Ecologia

Il razzismo fa male (anche) all’ambiente

Se ce ne fosse bisogno, ecco un nuovo, inedito motivo (in più) per combattere il razzismo: danneggia persino la biodiversità e l'ambiente in cui viviamo.

Un articolo pubblicato su Science ha messo in relazione due concetti che raramente vediamo accostati: l'ambiente e il razzismo. Esaminando oltre 170 studi già pubblicati sul tema, i ricercatori hanno analizzato l'influenza che le disuguaglianze di razza hanno su ecologia, evoluzione e biodiversità. «Il razzismo sistemico sta distruggendo il nostro pianeta, e la violenza sul prossimo è anche violenza sulla Natura», spiega Christopher Schell, capo dello studio.

Ambiente malsano. I quartieri ai margini delle grandi città statunitensi, abitati per lo più da persone a basso reddito e minoranze etniche, hanno meno spazi verdi rispetto ai quartieri più centrali, in genere abitati da persone ad alto reddito e per lo più bianchi. Meno alberi significa temperature più alte e, in generale, meno biodiversità; inoltre, attorno ai quartieri più periferici è facile che vi siano aree industrializzate, e anche discariche e siti di smaltimento: caldo, sporco e inquinamento favoriscono la presenza di animali come topi e zanzare, con conseguenze negative sulla salute e sul benessere dei residenti, com'è facile immaginare.

Ambientalismo sociale. Secondo gli autori, i problemi ambientali non dovrebbero prescindere da quelli sociali, ma includerli: costruire case sicure ed economiche e far sì che vengano abitate sempre (non lasciandole, cioè, disabitate tra un inquilino e l'altro) creerebbe maggiore stabilità ecologica per le persone, gli animali e le piante della zona; parchi e zone verdi favorirebbero la biodiversità di flora e fauna, e buone linee di trasporto pubblico tra periferia e zone di lavoro ridurrebbero le emissioni di CO2. Sembrerà banale, ma è così: migliorare il tenore di vita nei quartieri periferici, più poveri e magari popolati da minoranze etniche, aiuterebbe persino l'ambiente.

12 settembre 2020 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us