Ecologia

Il primo quadriciclo elettrico si chiama EO

Davanti il guidatore, dietro due passeggeri

di
Non chiamatelo auto elettrica! Eo, prodotto dalla colombiana Ample Internatonal, ha tre posti netti e un'autonomia dichiarata di 200 chilometri. Niente male il piccoletto!

"Mai vista una autonomia così grande per un veicolo elettrico"

Chiamatemi Eo -

Electric Vehicle Symposium

Non lo si può definire realmente un'auto elettrica, nonostante le quattro ruote e il motore elettrico

Autonomia mai vista - Per cominciare non si è mai vista un'auto elettrica che fa duecento chilometri con una sola carica. Almeno non un'elettrica così piccola. Eo di strada ne fa tanta, quasi 200 chilometri con un pieno di elettricità. Il segreto per raggiungere questo risultato, molto probabilmente, sta nella sua estrema leggerezza. Rispetto agli accessori di una normale automobile non c'è quasi nulla a bordo di Eo, tanto è vero che è la stessa Ample a chiamarlo "quadriciclo elettrico" e non auto elettrica. Fatto sta che 200 chilometri sono tantissimi per un veicolo che non è spinto da un motore a benzina o diesel. E persino per un'auto ibrida...

Io davanti, voi dietro - Altra cosa strana di Eo è la posizione di guida: un sedile solitario al centro del quadriciclo. I due passeggeri stanno dietro, in due sedili affiancati. Una specie di risciò elettrico, ma ricoperto da una carrozzeria leggera. Ma strana è la stessa azienda che lo produce, Ample International, che porta i suoi prodotti a Los Angeles ma ha un sito solo in lingua spagnola! (sp)

Detroit 2012: le migliori auto ibride ed elettriche

15 maggio 2012
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us