Ecologia

Il decalogo anti-spreco per un Natale sostenibile

Il Consorzio Italiano Compostatori fornisce dieci regole per una raccolta differenziata dell'organico di qualità, virtuosa e senza sprechi, a partire da ciò che si mette nel carrello della spesa.

Roma, 17 dic. - (AdnKronos) - Con le feste, tra Natale e Capodanno, aumentano le vendite di generi alimentari ma anche la produzione dei rifiuti, compresi quelli organici. Una parte di questo scarto è però rappresentato da cibi e prodotti ancora commestibili: si stima che nel mondo, ogni anno, si sprechino circa 1,3 miliardi di tonnellate di alimenti. Nella sola Europa sono circa 90 milioni, pari a circa 180 kg pro capite ogni anno. Per questo, il Consorzio Italiano Compostatori presenta un decalogo per una raccolta differenziata dell'organico di qualità, virtuosa e senza sprechi: dieci consigli utili partendo da ciò che si mette nel carrello della spesa.

Prevenire è meglio che riciclare. Durante la spesa per il pranzo di Natale o la Cena di Capodanno è bene calcolare il quantitativo di cibi di cui si ha effettivamente bisogno e controllare le indicazioni di conservazione e le date di scadenza. La dicitura "consumare preferibilmente entro” significa che dopo quella data l'alimento è ancora commestibile, in alcuni casi anche per mesi, e mangiandolo non si rischia alcun mal di pancia.

Donare può essere un gesto concreto. In Italia si sono diffuse iniziative di recupero e ridistribuzione di prodotti alimentari dal settore della distribuzione e ristorazione, in cooperazione con strutture non-profit o servizi sociali a cui destinare alimenti ancora confezionati, o se potete sostenerle economicamente o anche una parte dei pasti cotti.

Raccolta differenziata dello scarto alimentare, ma in maniera corretta. Per trasformare gli avanzi in biogas e in compost è necessario separare i rifiuti in maniera pulita. Non vanno quindi raccolti con l’umido oggetti in vetro, metallo, plastica, lattine. Cosa mettere nel cestello dell'organico? Tutti gli scarti di preparazione dei cibi, sia vegetali che animali, basta far raffreddare i cibi cotti fino a temperatura ambiente, per evitare che sciolgano i sacchetti compostabili.

Utilizzate il sacchetto giusto. La plastica è “indigesta” anche ai microorganismi che trasformano gli scarti alimentari in compost, pertanto è necessario che per i secchielli sottolavello vengano utilizzati solamente sacchetti in carta o bioplastica certificata ai sensi della Norma En 13432. Per chi non vuole lavare le stoviglie, ne esistono in commercio stoviglie in materiale compostabile certificato che possono essere trasformate in compost, in impianti industriali, senza costituire rifiuti da smaltire.

Attenzione al calendario di raccolta. Natale è un momento di festa e di ferie anche per gli operatori che raccolgono e avviano a recupero i rifiuti. Meglio consultare bene il calendario.

L’albero di Natale. Un albero ceduo (senza radici) può essere avviato a recupero con la raccolta differenziata dello scarto verde del Comune, informandosi sulle corrette modalità di raccolta e verificando se è possibile conferirlo direttamente presso il Centro di Raccolta del Comune.

Potrà essere avviato a recupero in un impianto di compostaggio, restituendo energia alla terra sotto forma di compost, un concime organico.

Il Compost. Trasformare gli scarti organici in compost è uno dei modi per contribuire in modo significativo all'uso sostenibile delle risorse. Dal compostaggio nasce un fertilizzante naturale che restituisce sostanza organica alla terra. Per saperne di più sul compostaggio e sulle possibilità di utilizzo: www.compost.it.

I marchi di certificazione del Cic, il Consorzio Italiano Compostatori, sono due: uno per il compost e l'altro per i manufatti compostabili. Utilizzare il compost a marchio Cic e usare manufatti compostabili certificati Compostabile Cic significa avere in mano prodotti di qualità, per un'impronta ecologica più leggera e sicura.

17 dicembre 2014 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us