Ecologia

Pesca, allevamento, cibo a km zero: la tavola è messa male

Meno di un terzo della popolazione mondiale dispone di cibo locale a sufficienza: dipendiamo da catene globali, costruite però su modelli disatrosi.

Uno dei temi cardine della Giornata della Terra (Earth Day) è la sicurezza alimentare, insieme all'impatto che la produzione, il trasporto e lo spreco di cibo hanno sulla salute del nostro Pianeta. Una analisi pubblicata su Nature Food dimostra che, se è vero che la globalizzazione ha permesso di rendere l'agricoltura più efficiente e diversificare le nostre diete, questo fa sì che la maggior parte della popolazione terrestre viva in Paesi che dipendono, almeno in parte, da cibo importato. Meno di un terzo (tra l'11 e il 28%) della popolazione mondiale può soddisfare la domanda di specifici raccolti coltivando quel cibo nel raggio di 100 km.

Per i ricercatori, i foodsheds, cioè le aree autosufficienti quanto a produzione di cibo, sono soprattutto zone compatte specializzate in un singolo tipo di raccolto: la conferma che la diversità della nostra alimentazione ha innescato una serie di interdipendenze alimentari su scala globale. Con gli attuali metodi produttivi e abitudini di consumo, una produzione locale non è sufficiente a soddisfare la domanda.

Riserve ittiche. Allo stesso modo, è sotto osservazione anche la pesca: qual è la percentuale dei mari della Terra interessata da attività ittiche industriali? Una ricerca di David Kroodsma, della Global Fishing Watch, pubblicata a febbraio del 2018 su Science, parlava di un'area attorno al 55% dei mari - quattro volte più grande di quella occupata, si diceva nello studio, dalle coltivazioni sulla terraferma. Per contro, un secondo studio (agosto 2018), effettuato sugli stessi dati, ridimensionava sorprendentemente e drasticamente al 4% la superficie dei mari sfruttata per la pesca industriale.

Carnivori. Per ultima, la carne: l'analisi del ciclo di vita degli allevamenti di bestiame domestico mostrano senza possibilità di errore che l'impatto ambientale di bovini, ovini, suini e avicoli è altissimo, e questo ormai lo sappiamo da anni, a partire dai milioni di ettari di terreno produttivo riservato all'allevamento e alle colture agricole riservate al bestiame. Per cercare di porre un freno a questa situazione e al conseguente degrado dell'ambiente, durante la Conferenza sul Clima di Madrid (COP25, novembre 2019), un gruppo internazionale di ricercatori ha invitato i decisori politici di tutti i paesi del mondo a prendere seriamente in considerazione una consistente riduzione nella produzioni di carni di ogni genere entro il 2030: l'appello (sostanzialmente ignorato) è stato affidato a una lettera aperta pubblicata su Lancet Planetary Health Journal. A questo punto sembra quasi inevitabile che, ovunque al mondo, la ricetta per un futuro sostenibile passi lo sfruttamento degli

insetti a scopo alimentare, direttamente e sotto forma di farine per l'alimentazione di umani e animali.

 

22 aprile 2020 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us