Ecologia

Il buco nell'ozono? Si è spaccato in due

Lo strato di ozono, che protegge il pianeta dall'azione distruttiva dei raggi ultravioletti, si sta riducendo. E si è spaccato in due aree più piccole.

Il buco nell'ozono? Si è spaccato in due
Lo strato di ozono, che protegge il pianeta dall'azione distruttiva dei raggi ultravioletti, si sta riducendo. E si è spaccato in due aree più piccole.

Il buco nell'ozono, in blu scuro, si è diviso in due aree distinte alla fine di settembre.
Clicca qui per ingrandire l'immagine (35 Kb). © Nasa.

Il buco nell'ozono che si trova sopra l'Antartide, o per essere più precisi la rarefazione dello strato che protegge il nostro pianeta dall'impatto dei raggi ultravioletti, si è drasticamente ridotto, passando da 24 a 15 milioni di chilometri quadrati. Non solo. Oltre a essere più piccolo rispetto agli anni precedenti, si è separato in due aree distinte. La causa? Le perturbazioni che si sono verificate in modo particolarmente intenso quest'anno nella stratosfera, lo strato di atmosfera che avvolge il nostro pianeta dai 10 ai 50 mila metri, e che hanno portato il vortice polare a raggiungere temperature più alte della media. La notizia è positiva, dicono i ricercatori della Nasa e del Noaa (National oceanic and atmosferic administration) americano, ma non è ancora detto che il fenomeno stia definitivamente scomparendo.


Le immagini dal satellite che mostrano la riduzione e la divisione del buco nell'ozono (Quick Time, 560 Kb; Fonte: Nasa).
Il caldo fa bene. La regione che si trova più vicina alla Terra (7-14 chilometri) subisce ancora forti perdite di ozono. Diversa invece è la situazione oltre i 20 chilometri, dove sembra invece che la maggiore concentrazione del gas protettivo sia dovuta alla presenza di temperature più alte della media. Il risultato generale è che il nostro Pianeta è più protetto rispetto agli anni 2000 e 2001, restano però alcuni punti in cui lo schermo è fortemente ridotto.
La riduzione del buco di ozono si è già verificata nel 1988, un altro anno in cui erano state raggiunte temperature particolarmente alte negli strati superiori dell'atmosfera. Secondo gli esperti dunque, mentre la causa scatenante resterebbero i gas a base di cloro e di bromo, il cui uso è già stato bandito a livello internazionale dal protocollo di Montreal, potrebbe essere la temperatura a regolare l'ampiezza del fenomeno. La conclusione è basata anche sull'andamento stagionale del buco: in ottobre, quando le temperature salgono per l'arrivo dell'estate australe, lo strato di ozono è più consistente. Nell'inverno polare, che va da agosto a settembre, si formano invece sottili nubi fredde che accelerano la reazione tra bromo, cloro e ozono, la cui molecola, formata da tre atomi di ossigeno, è costretta a rompersi e a formare ossigeno gassoso. Si tratta di una reazione a catena particolarmente efficiente: una sola molecola di clorino può distruggere 100.000 molecole di ozono.

(Notizia aggiornata all' 1 ottobre 2002)

1 ottobre 2002
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us