Ecologia

Il buco nell’ozono rimane aperto troppo a lungo (con gravi conseguenze in Antartide)

Negli ultimi anni, il buco nell'ozono è rimasto aperto per tutta l'estate antartica, creando potenziali problemi a piante e animali.

Nel 1987, in Canada, venne firmato il protocollo di Montreal, che metteva uno stop all'uso dei cosiddetti clorofluorocarburi, sostanze chimiche che, rilasciate in atmosfera, danneggiavano lo strato protettivo di ozono che ricopre il pianeta – creando l'arcinoto "buco nell'ozono". Da allora, in un rarissimo caso di successo globale nella lotta all'inquinamento, il buco è andato restringendosi sempre più, pur senza scomparire del tutto: ogni anno, intorno a settembre, si riapre, per richiudersi poi verso il mese di dicembre. Almeno così è andata fino al 2021: da allora, dice uno studio pubblicato su Global Change Biology, il buco nell'ozono ha ricominciato a creare problemi, non allargandosi ma durando sempre più a lungo, arrivando a chiudersi oltre la metà di dicembre. E questo fatto potrebbe avere conseguenze gravi soprattutto sulle regioni antartiche.

I danni degli UV. Il mese di dicembre in Antartide è piena estate, ed è l'inizio del periodo di fioritura delle piante che crescono sulle coste del continente, oltre alla stagione di accoppiamento di pinguini e foche. Negli ultimi 25 anni, questo periodo è stato "tranquillo" per flora e fauna antartiche, perché arrivava quando il buco nell'ozono si era già richiuso per la stagione. Come detto, però, dal 2021 il periodo di apertura si è allungato: questo significa che piante e animali sono sottoposti a una "pioggia" di raggi ultravioletti che, in assenza di ozono a bloccarli, arrivano direttamente al suolo. Un problema che si presenta anche tra settembre e novembre, ovviamente, quando però l'ecosistema è ancora protetto dalla neve. Negli ultimi quattro anni, una serie di eventi eccezionali (gli incendi in Australia, l'eruzione sottomarina a Tonga) ha però rallentato la chiusura del buco e accelerato lo scioglimento delle nevi, costringendo l'ecosistema a subire l'influsso degli UV senza alcuna protezione.

Solo una fase passeggera? Più raggi UV significa più rischi per la salute, visto che sono potenzialmente cancerogeni e possono causare cataratta. Per foche e pinguini adulti non è un problema, visto che sono protetti da uno strato di pelliccia o piume; ma per i loro cuccioli, che non hanno ancora sviluppato questa protezione, potrebbe diventarlo. Lo stesso vale per le piante, che in caso di necessità sono in grado di produrre uno strato protettivo – che però ne rallenta se non addirittura blocca la crescita. C'è infine il problema degli animali marini: senza il ghiaccio che ricopre la superficie dell'oceano, i raggi UV possono penetrare sott'acqua e rendere difficile la vita al krill e al fitoplancton.

Lo studio mette in evidenza come non ci siano ancora, in realtà, prove dirette dei danni subiti da animali e piante a causa dell'allungamento del periodo di apertura del buco; né sappiamo se si tratta di un momento particolare o se il fenomeno continuerà a verificarsi nei prossimi anni. Sappiamo però che potrebbe creare grossi problemi agli ecosistemi, e va quindi tenuto d'occhio.

18 maggio 2024 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us