Ecologia

Il biogas entra nel Manifesto dell'agroalimentare

Presentato dal Consiglio nazionale della Green Economy, si sviluppa in sette proposte

Roma, 30 giu. (AdnKronos) - Il biogas entra nel 'Manifesto della green economy per l'agroalimentare in occasione di Expo 2015', documento del Consiglio nazionale della Green Economy presentato oggi a Roma. Il manifesto si sviluppa in sette proposte sull'agricoltura e sulla produzione di cibo legate all'approccio dell'economia verde.

"Si tratta di un importante riconoscimento per il modello italiano di produzione del biogas, che abbiamo ribattezzato 'Biogasdoneright', Biogas Fatto Bene, divenuto ormai un caso di studio internazionale. Sono molti gli esperti e gli studiosi internazionali che vengono a vedere come molti agricoltori italiani siano riusciti ad affiancare alle produzioni agricole di eccellenza una delle piattaforme tecnologiche più promettenti nel panorama delle rinnovabili, capace di produrre energia, biocarburanti, bio fertilizzanti, materie prime per le bioplastiche e di rendere l'agricoltura più sostenibile e moderna", sottolinea Piero Gattoni, presidente del Cib.

Il biogas, si legge in particolare nel manifesto, "può contribuire, quando non sottrae suoli e produzioni destinate all'alimentazione, a migliorare il presidio e la cura del territorio, il recupero di aree degradate e marginali, a fornire possibilità aggiuntive di reddito per il mondo agricolo, contribuendo a contrastare l'abbandono delle campagne".

Un altro passaggio significativo è quello che sottolinea il ruolo della 'digestione anaerobica' per la riduzione delle emissioni di gas serra attraverso il recupero del biogas derivante dalle deiezioni animali degli allevamenti o il reintegro della sostanza organica nel suolo, che può avvenire con l'uso del bio fertilizzante ottenuto dal biogas. Il biogas, infine, è l'anello in grado di chiudere "un sistema di economia circolare per le filiere agroalimentari": "occorre, in particolare, diffondere le buone pratiche e le migliori tecniche disponibili per utilizzare, in modo corretto e sostenibile, tutti i sottoprodotti derivati dalle produzioni agroalimentari".

30 giugno 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us