Ambiente

Il 58% del territorio italiano occupato da edifici, capannoni, strade e ferrovie

Tra le città più cementificate ci sono Napoli e Milano seguite da Pescara e Torino. Legambiente chiede di approvare subito la legge e cancellare gli oneri di urbanizzazione per spese correnti dei Comuni.

Roma, 5 dic. - (AdnKronos) - Il consumo di suolo è una delle più insidiose e irreversibili forme di degradazione del territorio. In Italia l'urbanizzazione ha conosciuto, negli ultimi decenni, un'accelerazione senza precedenti, e se negli anni '50 il tasso di consumo di suolo era pari al 2,9%, oggi siamo al 7,3%. Dei 22mila Kmq urbanizzati del nostro Paese, il 30% è occupato da edifici e capannoni, il 28% da strade asfaltate e ferrovie. Tra le città con le superfici più cementificate troviamo Napoli e Milano (oltre il 60%) seguite da Pescara e Torino (oltre il 50%), Monza, Bergamo, Brescia e Bari (oltre il 40% di superficie impermeabilizzata).

In occasione del World Soil Day, la giornata mondiale del suolo, Legambiente torna a lanciare l'allarme su un fenomeno che "oltre a degradare irreversibilmente il territorio, amplifica gravemente i problemi di dissesto idrogeologico e i danni causati dal maltempo in Italia", dichiara il presidente nazionale dell'associazione Vittorio Cogliati Dezza.

"Non c'è più tempo per i tentennamenti - aggiunge - Il governo approvi velocemente la legge presentata in Parlamento e cancelli l'emendamento alla legge di Stabilità che proroga per tutto il 2015 la possibilità di usare ancora almeno il 50% degli oneri di urbanizzazione per le spese correnti dei Comuni, incentivando nuove lottizzazioni per risanare i bilanci".

Il tema del consumo di suolo è finalmente oggi al centro del dibattito politico, con sette disegni di legge in Parlamento e però un forte ritardo rispetto alla sua approvazione, malgrado gli impegni presi dai ministri dell'Agricoltura e dell'Ambiente, Maurizio Martina e Gian Luca Galletti. Dopo le leggi regionali di Puglia e Sardegna, anche Toscana e Lombardia hanno recentemente legiferato in tal senso ma con indirizzi e risultati decisamente opposti, ricorda Legambiente.

Mentre la Toscana ha mostrato di voler investire in un futuro basato sulla tutela del proprio territorio e sulla priorità della rigenerazione urbana riconoscendo il suolo rurale come bene comune che, come tale, va tutelato e preservato nelle sue funzioni produttive ed ecologiche, nella normativa lombarda non c'è traccia di soglie e disincentivi alle urbanizzazioni dei terreni agricoli né di incentivi per la rigenerazione urbana. Solo procedure agevolate per realizzare rapidamente le previsioni espansive dei piani di governo del territorio.

"Non è cementificando l'Italia che riusciremo a dare risposta ai problemi di cassa delle amministrazioni locali, né alla crisi del settore edilizio, mentre potrebbero essere molto gravi le ripercussioni del provvedimento sull'ambiente e il territorio già martoriato da una cementificazione selvaggia – conclude Cogliati Dezza - Se l'intento è quello di far uscire dalla grave crisi il settore edile e le amministrazioni locali, è evidente che la ricetta non può più essere quella vecchia e fallimentare delle lottizzazioni edilizie facilitate per appianare i bilanci ma solo quella dell'innovazione e della rigenerazione urbana".

5 dicembre 2014 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Le sfide della Chiesa per tutelare la propria autonomia e i suoi territori. A colpi di alleanze, scomuniche, guerre, ma anche preziose committenze ai più grandi artisti del Rinascimento, ecco come i pontefici sono stati protagonisti di secoli di storia. E ancora: quando, 100 anni fa, l'Irlanda venne divisa in due; origini, regole e curiosità degli scacchi; perché le legioni romane erano imbattibili.

 

ABBONATI A 29,90€

Quale incredibile processo ha fatto nascere la vita sul nostro pianeta? Tutte le ultime ipotesi scientifiche. Inoltre: i numeri e le mappe della pandemia che ci ha cambiato nel 2020 e cosa ci aspetta nel 2021; le nuove frontiere del cinema; i software che ci identificano in base al modo di camminare; il sesso strano del mondo animale.

ABBONATI A 29,90€

Sul nuovo numero di Focus Domande&Risposte tantissime domande e risposte curiose e inaspettate nel nome della scienza. Per esempio: è vero che la musica fa cambiare sapore al formaggio? E che mariti e mogli con il tempo si assomigliano? E che la solitudine cambia il nostro cervello?

ABBONATI A 29,90€
Follow us