Ecologia

Ikea sempre più fotovoltaica anche in Italia

Tra gli impianti più grossi c'è quello di Catania.

di
Il gigante nordico dell'arredamento continua a installare pannelli solari sui tetti dei suoi enormi capannoni. Quelli nuovi ne sono già dotati.

"Ikea produce molta energia dal sole, ma consuma anche molto territorio"

Solar Ikea -

progetto solare dedicato agli store degli Stati Uniti

Il sole nel mondo - Quello del Minnesota, però, non è certo il più grande degli impianti fotovoltaici sui tetti dell'Ikea. Nei nuovi store si è fatto anche di meglio. Come nel negozio di Catania - aperto da pochi mesi e visibile nella mappa in fondo a questo articolo - che vanta un tetto fotovoltaico enorme: 14.000 pannelli - tra tetto e pensiline del parcheggio - che abbinati al sole siciliano permettono all'Ikea di produrre in casa circa il 23% dell’energia elettrica consumata ogni anno dal suo store catanese.

Con i piedi per terra - Se vogliamo dare un giudizio ambientale su Ikea, però, dobbiamo scendere dal tetto e tornare con i piedi per terra. Come tutti i centri commerciali - nessuno escluso - anche i negozi Ikea hanno un problema enorme: il consumo di suolo. Dove un tempo c'era campagna e terra, ora c'è un immenso negozio con un altrettanto grande parcheggio. A lungo andare queste strutture così imponenti modificano l'equilibrio idrogeologico del suolo - anche se vengono presi particolari accorgimenti per il drenaggio delle acque piovane, ad esempio - e non fanno di certo bene all'ambiente. (sp)

2 settembre 2012
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us