Ecologia

Ikea sarà 100% eco-sostenibile entro il 2020

Solo energia rinnovabile per gli store

di
L'azienda svedese ha presentato il progetto "People & Planet Positive": più prodotti riciclati, meno rifiuti e un uso massiccio delle energie rinnovabili. La sostenibilità non è un lusso...

"La sostenibilità non è un lusso: dev'essere alla portata di tutti"

Ikea verde -

dopo aver tappezzato i tetti dei propri store con pannelli fotovoltaici

sole lampade al led entro il 2016

People & Planet Positive

Energia - Steve Howard, responsabile Sostenibilità di Ikea, presentando il programma ha spiegato che già oggi c'è una piccola centrale fotovoltaica sopra il tetto di ogni store, ma in futuro gli obiettivi sono molto più ambiziosi: coprire il 70% del fabbisogno energetico con le rinnovabili entro il 2015 e arrivare al 100% nel 2020. Per arrivarci non basteranno i tetti, Ikea dovrà comprare sul mercato energia elettrica rinnovabile certificata. Come investimenti l'azienda è oggi a metà del primo obiettivo 2015.

Rifiuti, acqua e prodotti sostenibili - Altro obiettivo Ikea riguarda i rifiuti: raggiungere il 90% di riciclo di quelli prodotti all'interno dei negozi. Le prospettive sono buone: Ikea produce gran parte di ciò che vende, quindi ha il pieno controllo sul packaging e, di conseguenza, sui rifiuti generati. Sempre riguardo i prodotti venduti, ma passando al tessile, l'azienda si impegna a vendere solo cotone certificato dalla Better Cotton Initiative. Si tratta di un cotone prodotto con la metà dell’acqua e dei pesticidi necessari a realizzare il cotone normale. Riguardo al legno, infine, Ikea acquisterà 10 milioni di metri cubi di legno certificato per produrre i suoi mobili. (sp)

20 geniali idee ecologiche per la tua casa

24 ottobre 2012
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us