Ecologia

I geologi italiani lanciano l'allarme: "Siamo a rischio estinzione"

La denuncia: "Sopravvivono solo otto dipartimenti di Scienze della Terra dei 34 prima distribuiti in tutta Italia, tutti chiusi in Emilia Romagna e gli accorpamenti fatti a caso. Alla prossima alluvione bisognerà importare i geologi dall'estero".

Roma, 14 gen. - (AdnKronos) - Geologi a rischio estinzione in Italia e alla prossima alluvione, al prossimo terremoto o alla prossima frana, potrebbero non essercene più e dovremo importarli dall'estero. A lanciare l'allarme sono i geologi stessi che puntano il dito contro la riforma Gelmini, a causa della quale stanno sopravvivendo solo otto Dipartimenti di Scienze della Terra dei 34 prima distribuiti in tutte le regioni, dei quali "sopravvissuto" in Emilia Romagna e gli accorpamenti sono stati "fatti a casaccio".

"Nel Paese del dissesto idrogeologico e del rischio sismico e vulcanico, si assiste, nell'indifferenza generale, alla scomparsa di una disciplina - dichiara Gian Vito Graziano, presidente del Consiglio Nazionale dei Geologi che sottolinea: "Le Scienze della Terra in ambito universitario sono state messe in drammatica difficoltà dalla cosiddetta riforma Gelmini che ha posto rigidi vincoli numerici per la costituzione dei dipartimenti universitari”.

A causa degli accorpamenti, "i geologi oggi si trovano insieme, a seconda dell'ateneo, a biologi, botanici, fisici, chimici, matematici, ingegneri, forestali, e la lista potrebbe proseguire - continua Graziano - Per fare un Dipartimento universitario, senza alcun logico motivo, ci vogliono 40 professori e ricercatori della stessa disciplina. Ma le Scienze della Terra sono un'area disciplinare piccola e, in tutta Italia, i docenti del settore sono meno di un migliaio e in costante diminuzione”.

Scomparsi o accorpati dipartimenti storici e prestigiosi, come quello di Bologna. In tutta la Regione Emilia-Romagna, con quattro atenei statali, "nessun Dipartimento di Scienze della Terra è sopravvissuto al terremoto, quello della legge, non quello vero", continua Graziano.

Un gruppo di parlamentari ha depositato un progetto di legge per allentare i vincoli numerologici della Legge Gelmini e consentire la costituzione di Dipartimenti omogenei per settori disciplinari piccoli, come le Scienze della Terra. Il progetto di legge è all'esame della Commissione Cultura della Camera e ha incontrato il sostegno di importanti istituzioni, della comunità scientifica e accademica.

"Però tutto questo non basta - conclude Graziano - La burocrazia del ministero dell'Istruzione Università e Ricerca pare non tollerare il benché piccolo rimedio agli errori del passato".

14 gennaio 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us