Ecologia

Griffe 'fur-free', contenti gli animali e anche l'ambiente

Da Calvin Klein a Zara, tante le aziende che hanno scelto di non utilizzare più pellicce animali nelle loro collezioni aderendo al programma certificato dalla Fur Free Alliance.

Roma, 16 gen. - (AdnKronos) - Da Benetton a Calvin Klein, da Diesel a Guess, da Lacoste a Levi's e poi H&M, Oviesse Industry, Zara. E' lunga la lista delle aziende della moda che si sono impegnate a non utilizzare più pellicce animali nelle loro collezioni dichiarandosi “Fur-free”, aderendo al programma certificato dalla Fur Free Alliance, la coalizione internazionale di organizzazioni per la protezione degli animali che lavorano per porre fine allo sfruttamento e l'uccisione di animali per la loro pelliccia, che in Italia è rappresentata dalla Lav. Alliance

Felici animali e animalisti, ma anche l'ambiente: secondo lo studio di Life Cycle Assessment “The environmental impact of mink fur production” del 2011, commissionato dalla Lav alla società olandese di ricerca e consulenza ambientale Ce Delft, la produzione di 1 kg di pelliccia di visione causa un impatto ambientale maggiore rispetto alla produzione di un analogo quantitativo di materiale alternativo, anche di sintesi, come cotone, acrilico, poliestere (riciclato e vergine) e lana.

La produzione di pellicce è un processo caratterizzato dall'utilizzo di molte sostanze chimiche: formaldeide, metalli pesanti, solventi organici, pesticidi alogenati, idrocarburi policiclici aromatici, alchilfenoli etossilati. Sostanze che vengono impiegate nelle varie fasi, dall'ammollo, per dare elasticità alla pelle alla pulizia per rimuovere residui di carne e grasso, fino alla concia vera e propria, per continuare poi con il candeggio, la tintura, la conservazione.

Molte le aziende che hanno quindi sposato una filosofia fur-free, scelta che si rispecchia anche nei risultati delle ultime aste in Danimarca e Finlandia che hanno segnato un crollo dei prezzi delle pellicce di visone rispetto al 2013: il prezzo medio è sceso del 55% alla più recente asta Saga Furs di Oslo, mentre quest'anno i dati di vendita della danese Kopenhagen Fur, dove solitamente sono commercializzate anche le pelli italiane, è sceso del 40%.

Le pelli grezze di visoni e altri animali “da pelliccia”, sono commercializzate in lotti presso aste internazionali specializzate, acquistate da grossisti e successivamente utilizzate dalle aziende moda.

“Il crollo dei prezzi delle pelli di visone è significativo di quanta poca domanda ci sia sul mercato e di quanto scarso, per non dire nullo, sia ormai il margine di guadagno per chi alleva questi animali", dichiara Simone Pavesi, responsabile Lav Campagna Pellicce.

Secondo Pavesi, "è necessario che il Parlamento approvi subito la proposta di legge della Lav presentata sia a Camera che Senato e sottoscritta dalle principali forze politiche, finalizzata alla chiusura degli ultimi allevamenti di visone ancora presenti in Italia”.

Se nell’asta di settembre, quella che ha chiuso la stagione 2013-2014, a Copenaghen (che rappresenta un terzo delle esportazioni danesi verso la Cina) il prezzo medio della pelle di un visone è sceso dai 76,90 euro (dicembre 2013) agli attuali 34,65 euro, i dati di vendita registrati alla casa d’aste finlandese Saga Furs sono anche peggiori per il settore dell’allevamento del visone in Europa: oltre il 55% in calo i prezzi delle pelli di visone vendute, con una perdita del profitto del 6%.

16 gennaio 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us