Ambiente

A che cosa è dovuta la "febbre" della Siberia, e quali effetti avrà

Estremi di temperatura, fusione del permafrost, incendi: le ragioni della preoccupante situazione climatica della Siberia, un problema globale.

L'organizzazione meteorologica mondiale delle Nazioni Unite sta lavorando per verificare un possibile record di temperatura raggiunto qualche giorno fa in una città della Siberia. Sabato 20 giugno, il termometro a Verkoyansk ha toccato i 38 °C, il valore più alto misurato in oltre un secolo di rilevazioni nella zona. A maggio 2020, in alcune zone della Siberia le temperature hanno superato le medie stagionali di 10 °C; la fusione del permafrost dovuta al caldo estremo sarebbe all'origine della catastrofica perdita di diesel vicino a Norilsk, nell'Artico siberiano, mentre gli incendi che già lo scorso agosto imperversavano nella regione sono tornati, ma cominciando prima del solito e portandosi via migliaia di ettari di foresta.

più cause. Secondo i metereologi una combinazione di fattori - un sistema di alta pressione in un cielo senza nuvole e con il Sole alto, giornate estremamente lunghe e notti corte e molto calde - avrebbe contribuito a questa nuova ondata di calore. Durante le molte ore di luce dell'estate artica il suolo si scalda intensamente, e le notti brevi e calde non fanno in tempo a raffreddare l'aria, che continua a riscaldarsi per giorni.

La Siberia è nota per gli estremi climatici, sia nei mesi estivi sia in quelli invernali. Non è inusuale in questa stagione registrare temperature attorno ai 30 °C, ma nei 10 °C in più degli ultimi giorni e nelle conseguenze sul paesaggio artico, gli esperti vedono una tendenza riconducibile al riscaldamento globale.

Un circolo vizioso. Le ondate di calore accelerano la fusione del permafrost, il suolo perennemente ghiacciato che rilascia in atmosfera il metano accumulato in secoli di decomposizione di materiale organico. Questo gas reca un effetto serra 28 volte più potente di quello della CO2, e una volta in atmosfera circola per l'intero pianeta, contribuendo a sua volta al riscaldamento globale.

Tutto questo ha conseguenze anche sul clima di Europa e Stati Uniti. Durante l'estate, il caldo inusuale riduce le differenze di temperatura e di pressione tra l'Artico e le latitudini inferiori più densamente abitate. Il fenomeno sembra indebolire le correnti a getto, i flussi d'aria di forte intensità che si formano nella parte più bassa dell'atmosfera terrestre, e creare situazioni di stallo che costringono i sistemi meteorologici come quelli che portano un caldo estremo, o piogge persistenti, a rimanere "parcheggiati" su uno stesso luogo per diversi giorni.

26 giugno 2020 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Ascesa e declino di Sparta, la polis greca che dominò il Peloponneso con la sua incredibile forza militare e un'organizzazione sociale che forgiava soldati e cittadini pronti a tutto. Perché Beethoven cambiò per sempre il mondo della musica; gli esordi dell'Aids, l'epidemia che segnò un'epoca.

ABBONATI A 29,90€
Questo numero di Focus è speciale perchè l'astronauta dell'Esa Luca Parmitano ci ha affiancato per realizzare un giornale dedicato alle frontiere della scienza, dalla caccia agli esopianeti alla lotta contro il coronavirus fino agli organi stampati in 3d. Grazie Luca per i tuoi consigli e suggerimenti!
ABBONATI A 29,90€

Cosa posso comprare nel mondo con un euro? Perché i crackers hanno i buchi? Dove vanno i gatti quando spariscono da casa? Quanto può dormire un batterio? Correre una maratona fa ringiovanire? Con Focus D&R trovi più di 250 risposte rigorosamente scientifiche alle domande più curiose, divertenti e (anche) un po' folli che potresti mai immaginare.

 

 

ABBONATI A 14,90€
Follow us