Ecologia

Gli 'angeli dell'ambiente', il Wwf celebra le sue guardie volontarie

Sono oltre 300 e combattono ogni giorno contro i crimini di natura, un fenomeno che in Italia registra un reato ogni 43 minuti. Una festa per loro il 5 dicembre in occasione della Giornata Internazionale del Volontariato

Roma, 3 dic. - (AdnKronos) - Oltre 300 guardie volontarie che operano in tutta Italia per combattere ogni forma di illegalità ambientale e di crimini contro la natura che minacciano, impoveriscono e distruggono la biodiversità. Un fenomeno che in Italia registra un reato ogni 43 minuti, dall’uccisione di specie protette al commercio illegale di fauna e flora tutelate fino alla pesca illegale. Il Wwf Italia dedica il prossimo 5 dicembre, Giornata Internazionale del Volontariato, ai Rangers del Panda, i nostri "angeli dell'ambiente" che offrono il proprio tempo e il proprio impegno in maniera del tutto gratuita e volontaria.

Gli oltre 4 milioni e 700mila volontari italiani, come riporta l’ultimo censimento Istat 2013, sono una realtà preziosa ed insostituibile: costruiscono ogni giorno silenziosamente una società più vivibile e sostituiscono spesso le carenze delle Pubbliche Amministrazioni. Sono circa 1.500 i volontari che in Italia sostengono il Wwf in tutti gli ambiti di attività, dalle azioni sul campo, alla relazione con le istituzioni per la tutela del territorio, alla testimonianza dei valori e degli obiettivi dell'associazione.

“Tra i nostri volontari, un compito speciale viene svolto dalle guardie volontarie del Wwf: donne e uomini appassionati, competenti e coraggiosi che non si fermano davanti a nessun ostacolo, uniti tra loro dalla passione per la natura, per il rispetto della legalità e dall’impegno civile", dichiara Donatella Bianchi, presidente del Wwf Italia.

"Grazie a loro - sottolinea la presidente del Wwf Italia - vengono salvati da ogni genere di crimine luoghi, animali, diritti delle persone e, soprattutto, vengono difesi i diritti di chi non ha voce e possibilità di difendersi: la natura, gli animali, le piante".

Guardie volontarie particolarmente attive nelle aree più "calde" del bracconaggio, come le circa 30 “aree trappola" disseminate dal nord al sud del Paese, dalle Valli bresciane al Delta del Po, dall’Appenino ligure a quello tosco-emiliano, dalla Maremma alle isole pontine, nella Provincia di Salerno e la baia Domizia, per poi scendere fino al Pollino, all’area di Crotone, in Aspromonte, e nella Sicilia centrale.

Ma chi sono questi "angeli dell'ambiente"? Si tratta di veri e propri pubblici ufficiali, armati solo di radio, trasmittenti, binocoli, macchine fotografiche, carta e penna, computer e cellulari, che hanno svolto almeno un anno di attivismo nell’associazione e seguito specifici corsi di preparazione con superamento di esami. Sono oltre 300, distribuiti sul territorio nazionale con 50 nuclei attivi, dalle valli bresciane allo Stretto di Messina.

Ogni anno dedicano oltre 55mila ore alla difesa dell’ambiente, con migliaia di accertamenti di violazioni ambientali e centinaia di mezzi illeciti di caccia recuperati in oltre 20 anni di attività volontaria.

Spesso la loro azione si completa tramite la collaborazione con le Forze dell’ordine sul territorio, dal Corpo Forestale dello Stato ai Carabinieri. Trecento volontari, contro un esercito di cementificatori, sparatori e inquinatori.

Per far conoscere da vicino il loro lavoro, sono stati organizzati diversi appuntamenti tra cui la mostra “Stop ai crimini di natura” al Museo Civico di Storia Naturale di Trieste e la serata del 12 dicembre a Firenze su “Bracconaggio:una strage cui porre fine” in collaborazione con lo Sportello EcoEquo del Comune di Firenze.

3 dicembre 2014 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us