Ecologia

Giretto d'Italia, maglia rosa a Suzzara, Piacenza e Reggio Emilia

il campionato nazionale della ciclabilità urbana organizzato da Legambiente e VeloLove

Roma, 29 set. - (AdnKronos) - La maglietta rosa del Giretto d’Italia 2015 va a Suzzara, Piacenza e Reggio Emilia. E’ loro, infatti, il rapporto più alto tra numero di passaggi in bici e numero di abitanti rilevato in occasione del quinto campionato nazionale della ciclabilità urbana organizzato da Legambiente e VeloLove in collaborazione con Euromobility, l’associazione italiana dei mobility manager, con il patrocinio del ministero dell’Ambiente.

Alla sfida, che si è svolta il 17 e il 18 settembre, hanno partecipato 22 città italiane che nelle due giornate hanno contato quante biciclette hanno varcato i check-point allestiti in vari punti dei comuni in gara, nell’arco delle due ore stabilite (tra le 6 e le 10 del mattino).

In totale, sono passati dai varchi 31.600 lavoratori o studenti che hanno utilizzato la bici per i loro spostamenti casa-lavoro o scuola-casa, conteggiati dai volontari Legambiente, VeloLove e di altre associazioni che hanno aderito alla manifestazione.

Circa 10mila di loro sono stati contati nei punti di controllo posti davanti alle aziende, alle scuole o alle università. Infatti, in 62 tra scuole, stabilimenti e aziende pubbliche o private hanno partecipato alla giornata di monitoraggio del bike to work (37 aziende pubbliche di cui scuole, Università, Arpa, Asl, Province, comuni e 25 aziende private).

In particolare Cnh Industrial, partner dell’iniziativa, si è distinta per la sua partecipazione in più località: in 11 dei suoi stabilimenti italiani ha visto la partecipazione di 831 dipendenti, con punte che superano il 26% di spostamenti casa-lavoro effettuati in bicicletta nella sede di Bolzano.

Considerando, invece, il rapporto tra numero di passaggi rilevati nelle due ore di monitoraggio e numero di abitanti per assegnare il punteggio della ciclabilità bike to work e bike to school a piazzarsi sul podio sono Suzzara, che registra un rapporto dell’8,12%, poi Piacenza (5,26%), Reggio Emilia (3,94%), Bolzano (2,55%), Ferrara (2,01%).

Per valori assoluti, nella giornata del 17 settembre spiccano i numeri di Reggio Emilia, dove sono stati conteggiati agli appositi varchi oltre 6.500 passaggi di bici. Tra questi meritano una citazione particolare i 1.811 passaggi rilevati nei pressi delle 18 scuole primarie, secondarie o dell’infanzia che hanno aderito alla giornata.

E’ sempre a Reggio Emilia che si registra la maggior partecipazione di enti pubblici e privati con 26 aziende, scuole o municipalizzate coinvolte. Piacenza segue con 5.353 ciclisti che pedalano per andare a scuola o al lavoro, poi Ferrara dove in 2.711 hanno scelto la bici per questi spostamenti. A Bolzano il bike to school e il bike to work hanno interessato, tra quelle passate dai punti di rilevamento, 2.631 persone; Padova si è attestata invece sui 2.434 passaggi.

Da sottolineare, la partecipazione per la prima volta di Reggio Calabria.

“Questa quinta edizione del Giretto d’Italia, organizzata con l’obbiettivo di stimolare anche in Italia la diffusione di Bike to Work e Bike to School - dichiara Alberto Fiorillo, responsabile mobilità urbana di Legambiente - conferma che la bici è già percepita come un’alternativa valida all’auto privata, competitiva in termini di tempo e di qualità degli spostamenti".

"Questo interesse manifestato dai cittadini - conclude Fiorillo - dovrebbe convincere gli amministratori, che hanno il compito di ridisegnare la mobilità urbana per liberare le città dagli ingorghi e dallo smog, dell’importanza di pianificare e favorire l’uso della bici”.

Il Giretto d’Italia 2015 era inserito tra le iniziative della Settimana europea della mobilità sostenibile.

29 settembre 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us