Giornata mondiale delle api amara: il maltempo azzera la raccolta di miele

Le piogge e il maltempo hanno ostacolato il lavoro delle api, che per sopravvivere consumano le scorte di miele già negli alveari.

arnie-alveari
Il miele: un regalo che, in tempi di ristrettezze, le api non possono farci. Vedi anche: miele, come si fa e si sceglie.|Shutterstock

Come se non bastasse la minaccia di pesticidi e parassiti, a funestare la Giornata mondiale delle api, istituita dall'ONU il 20 maggio (per la prima volta nel 2018), in riconoscimento del ruolo fondamentale di questi impollinatori, ci si è messo il maltempo.

 

Secondo Coldiretti, le piogge e le basse temperature dei mesi di aprile e maggio, dopo la siccità e le giornate estive del mese di marzo, non hanno permesso alle api di raccogliere il nettare necessario alla loro sussistenza. Per sopravvivere, gli insetti stanno consumando le esigue scorte di miele che erano riuscite a mettere da parte: di conseguenza, la raccolta di miele quest'anno sarà compromessa, forse addirittura azzerata.

primavera perduta. Quanto sta accadendo è una prova tangibile degli effetti dei cambiamenti climatici sull'andamento regolare delle stagioni. Con buona pace di chi ancora non distingue tra clima e meteo, e coglie nelle temperature "autunnali" di questi giorni il pretesto per esporre posizioni negazioniste, il global warming si manifesta anche con rapidi passaggi da giornate di sole a intense precipitazioni tropicali, fluttuazioni a cui le api sono estremamente sensibili.

 

Giornata mondiale delle api, World Bee Day: tra insetti killer e cambiamenti climatici
Il tuo supermercato, se sparissero le api. | CJONELC

Le conseguenze sulla produzione di cibo. A rimetterci non è soltanto il settore dell'apicoltura, importante per l'economia italiana, con 50 mila addetti e un giro d'affari di 70 milioni di euro.

 

In gioco c'è la sopravvivenza degli alveari stessi, e con essa la resa di gran parte delle coltivazioni agricole nostrane. Se le condizioni meteo non miglioreranno sensibilmente, saranno a rischio, per Coldiretti, le colture di "mele, pere, mandorle, agrumi, pesche, kiwi, castagne, ciliegie, albicocche, susine, meloni, cocomeri, pomodori, zucchine, soia, girasole e colza", che dipendono del tutto o in buona parte dall'attività delle api e di altri impollinatori.

 

In pericolo sono anche le coltivazioni foraggere destinate agli animali da pascolo: la carestia che le api stanno fronteggiando potrebbe mettere in crisi anche il settore della produzione di carne.

 

 

20 Maggio 2019 | Elisabetta Intini