Ecologia

Geologi: "Contro l'Italia che frana bisogna scendere in piazza"

Da fine 2013 all'aprile di quest'anno sono state 20 le richieste di stato di emergenza avanzate dalle Regioni

Roma, 21 ott. (AdnKronos) - “Da fine 2013 all’aprile di quest’anno sono state ben 20 le richieste di stato di emergenza avanzate dalle Regioni. Abbiamo avuto morti a maggio, morti anche ad ottobre ma alluvioni ogni mese. Fin quando non verrà fuori lo sdegno per la disattenzione politica per il territorio e non si scenderà in piazza per protestare, i nostri sindaci si occuperanno di altre cose che ritengono più importanti”. E' questo il commento di Gian Vito Graziano, presidente del Consiglio nazionale dei geologi, intervenuto sul dissesto idrogeologico che sta colpendo duramente il Paese.

“Ne usciremo solo attraverso la crescita della consapevolezza dei cittadini – ha proseguito Graziano- ed il formarsi di una coscienza sociale. Si tratta di un processo culturale, per questo dunque piuttosto lungo, il cui punto di svolta avverrà solo quando la gente percepirà come rischio per la salute pubblica, non solo la realizzazione di una discarica o l'inquinamento proveniente da una fabbrica, ma anche la probabilità che si verifichi un'alluvione o che una frana metta a repentaglio le abitazioni”.

Ed ecco la denuncia: “in Italia abbiamo 500.000 frane attive – continua Graziano – la manutenzione di alvei, fiumi, e delle vie di sfogo è carente, il sistema fognario è da rivedere. L’importante è iniziare almeno a dare priorità agli interventi urgenti. Non possiamo temere tragedie ad ogni pioggia, bisogna intervenire e farlo ora e soprattutto ci dovrà essere una svolta culturale definitiva. Come Consiglio nazionale dei geologi stiamo mettendo insieme tutti gli attori principali: dalle istituzioni al mondo accademico, scientifico, professionale affinché insieme si possano trovare le giuste soluzioni” .

E l’intero Consiglio nazionale dei geologi sarà in Emilia – Romagna, duramente colpita nei giorni scorsi, in occasione del Saie di Bologna in programma dal 22 al 25 ottobre. All' evento, che si svolgerà giovedì 23 ottobre, alle ore 14, parteciperanno Paolo Buzzetti, presidente nazionale dei costruttori edili ed Erasmo D’Angelis capo dell’unità di missione Italiasicura istituita dal governo.

21 ottobre 2014 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

La smisurata ambizione di Napoleone trasformò l’Europa in un enorme campo di battaglia e fece tremare tutte le monarchie dell’epoca. Per molti era un idolo, per altri un tiranno sanguinario. E oggi la sua figura continua a essere oggetto di dibattito fra storici e intellettuali. E ancora: tra lasciti stravaganti e vendette "postume", i testamenti di alcuni grandi personaggi del passato che fecero litigare gli eredi; le bizzarre toilette con cui l’aristocrazia francese del Settecento si "faceva bella" agli occhi del mondo; nelle scuole residenziali indiane, i collegi-lager dove venivano rinchiusi i bambini nativi americani, per convertirli e "civilizzarli"; Dio, patria e famiglia nelle cartoline natalizie della Grande guerra.

ABBONATI A 29,90€

Il corpo va tenuto in forma, ma le sue esigenze cambiano nel corso della vita. Quale sport è meglio fare con gli anni che passano? E quali sono le regole di alimentazione per uno sportivo? E ancora: il primo modello numerico completo che permette di simulare il nostro cuore; perché i velivoli senza pilota stanno assumendo un ruolo fondamentale in guerra; l’impatto che l'Intelligenza artificiale avrà sull’economia e sulla società; tutto quello che si ottiene avendo pazienza.

ABBONATI A 31,90€
Follow us