Ecologia

Corrente elettrica a criceti

Quanta corrente elettrica può produrre un criceto che corre sulla ruota? Circa un millesimo di quella necessaria a ricaricare un telefonino. Allora prendiamo mille criceti e... (Alessandro Bolla, 9 marzo 2009)

La ricerca di fonti energetiche alternative non conosce confini: Zhong Lin Wang, un ricercatore dell’Università della Georgia (Stati Uniti), ha infatti messo a punto un... generatore a criceti! A differenza di quanto potrebbe a prima vista apparire, la ricerca di Wang è serissima. Lo scienziato ha infatti per la prima volta realizzato un sistema che consente di ottenere corrente elettrica dai movimenti del corpo, anche dai più piccoli e irregolari, come possono essere quelli di un criceto che corre sulla sua ruota. La nuova tecnologia sfrutta fibre di ossido di zinco montate su un supporto di plastica: il movimento provoca la deformazione delle fibre e la creazione di un potenziale elettrico che si traduce in un flusso di corrente verso un circuito esterno. Wang ha montato il suo nano generatore su un piccolo giubbotto e lo ha fatto indossare a un criceto: l’invenzione sembra funzionare, come testimonia il video dell’esperimento.



Chi però stesse già pensando di mettere ai lavori forzati il cricetino di casa si rassegni: per ricaricare la batteria di un telefonino occorre il lavoro di oltre 1.000 roditori. Il prossimo obiettivo degli scienziati è quello di realizzare, entro cinque anni, una nanofibra da inserire all’interno di abiti che permettano di produrre corrente elettrica sufficiente a ricaricare le batterie dei gadget che riempiono le nostre tasche.

Vuoi saperne di più sulle ricerche più strane e irriverenti? Non perderti lo speciale sugli Ig-Nobel e l'intervista allo scienziato italiano che l'ha vinto nel 2008.

Su "Amici a quattro zampe" tutte le foto dei vostri animali domestici.

9 marzo 2009
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us