Ecologia

Futuro 'verde', l'Università di Padova 'riporta' i boschi selvatici nelle città

Degani a Expo: dalla città veneta l'idea del Parco della Biodiversità

Roma, 27 ago. (AdnKronos) - "Sono felice che le riflessioni sul futuro 'verde' delle nostre città che sta portando avanti l'Università di Padova abbiano come teatro il Biodiversity Park del ministero dell'Ambiente, perché proprio a Padova all'inaugurazione dell'Orto Botanico è nata l'idea di promuovere la biodiversità italiana all'interno di Expo". Così Barbara Degani, sottosegretario al ministero dell'Ambiente, oggi a Expo nell'ambito del Workshop dell'Università di Padova 'Il ritorno dei boschi nelle aree urbane abbandonate: una nuova risorsa'.

"Dunque uno scambio fruttuoso di idee che oggi continua qui all'interno dell'Esposizione universale - prosegue Degani - L'Università di Padova ha saputo cogliere appieno questa opportunità e oggi lancia altri progetti ambiziosi e originali come quello dei boschi selvatici per riqualificare aree abbandonate all'interno delle città. E' titolata a farlo custodendo il più antico orto botanico del mondo".

"Noi italiani dobbiamo essere coscienti del fatto che la biodiversità è da tutelare anche perché tra i beni più importanti che abbiamo va sicuramente annoverato il paesaggio. Viaggiatori, intellettuali, poeti e soprattutto pittori nei secoli hanno subito il grande fascino del cosiddetto 'Giardino d'Europa' destinato a fare da cornice ai capolavori d'arte e di storia più celebrati dal mondo. Il paesaggio italiano amplifica la bellezza espressa dal genio e dalla creatività", sottolinea.

"Apprezzare un paesaggio e volerlo preservare richiede non solo sensibilità, ma anche essere dotati di strumenti culturali e formativi che ne facciano recepire gli aspetti positivi per l'individuo e per la collettività. Ovviamente l'apporto del mondo universitario e di una Università di eccellenza come quella di Padova - conclude - è un punto di partenza fondamentale per questa grande rivoluzione culturale".

27 agosto 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us