Ecologia

Fukushima, foreste contaminate

Radiazioni e crescita irregolare in flora e fauna attorno alla centrale: la denuncia in un rapporto di Greenpeace, che fa il punto anche sui tentativi di decontaminazione.

Alberi che crescono in modo anomalo, vermi dal genoma danneggiato, pollini radioattivi: gli effetti del disastro di Fukushima sulle vicine foreste stanno emergendo soltanto ora e sono destinati a durare decenni, se non secoli.

A lanciare l'allarme a cinque anni dagli incidenti della centrale nucleare seguiti al terremoto e allo tsunami in Giappone dell'11 marzo 2011, è un rapporto della divisione nipponica di Greenpeace dal titolo Radiation Reloaded (pdf in inglese), basato su diverse ricerche indipendenti nella zona limitrofa all'impianto.

La conta dei danni. Gli studi avrebbero evidenziato un aumento di mutazioni nella crescita degli abeti e delle mutazioni ereditarie nelle farfalle Pseudozizeria maha, oltre alla presenza di vermi dal DNA danneggiato nelle zone più contaminate. Altre ricerche riportano di concentrazioni di elementi radioattivi nelle nuove foglie (e in almeno un caso, nel polline) delle piante, della diminuzione degli esemplari di 57 specie di uccelli e della contaminazione da cesio dei pesci d'acqua dolce nella zona dell'impianto.

I ricercatori ammettono che occorrono nuovi studi per valutare l'impatto del disastro sulla vita animale, ma nel frattempo l'organizzazione ha lanciato, proprio in questi giorni, uno studio per valutare la contaminazione radioattiva nel Pacifico lungo la costa, nel raggio di 20 km dalla centrale.

Un lavoro a metà. Il rapporto appare molto critico con la gestione post disastro del governo giapponese e dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica (Iaea). Attualmente è infatti in corso un massiccio tentativo di decontaminazione dei centri abitati della prefettura, ma non delle foreste limitrofe. Una strategia selettiva e mancante di prospettiva, perché se le cose andranno come a Chernobyl, il legno delle piante fungerà da riserva di radiazioni, che si propagheranno di nuovo verso i centri abitati con le piogge.

Gli effetti sull'uomo. Finora comunque le autorità sanitarie giapponesi hanno negato che il residuo radioattivo nella zona possa causare leucemia e altri tipi di cancro, come quello alla tiroide, la cui incidenza tra i giovani era apparsa in aumento dopo il disastro nucleare di Chernobyl.

6 marzo 2016 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us