Ecologia

Foreste tropicali: da serbatoi a emettitori di CO2

L'eccessiva deforestazione trasforma il verde da spugna a emettitore netto di anidride carbonica.

Nuove misurazioni satellitari dei cambiamenti nella densità forestale scalfiscono una delle poche sicurezze che avevamo contro il global warming: la degradazione delle foreste tropicali sta trasformando i polmoni del Pianeta da serbatoi a emettitori di CO2.

Secondo lo studio pubblicato su Science, queste aree verdi rilasciano, ora, più anidride carbonica di quella che catturano. La ricerca è stata eseguita dagli scienziati del Woods Hole Research Center e dell'Università di Boston osservando 12 anni (dal 2003 al 2014) di foto satellitari , immagini di telerilevamento laser e misurazioni sul campo della copertura forestale tropicale di America, Asia e Africa.

Il confronto ha permesso di stabilire l'entità non solo della deforestazione su larga scala ma anche del disboscamento locale, spesso trascurato in queste indagini: una degradazione parziale e selettiva della vegetazione operata da piccoli agricoltori, che accumulandosi crea danni ingenti.

riscaldamento globale, global warming, oceani, livello dei mari
Riscaldamento globale: è una partita persa o c'è ancora una chance? © Shutterstock

Conti a perdere. Si è visto così che le regioni verdi tropicali sono fonte di anidride carbonica in atmosfera, più ancora che aree di stoccaggio: ogni anno emettono circa 425 teragrammi (ossia milioni di tonnellate) di CO2, più delle emissioni derivanti dai mezzi su strada negli Stati Uniti. Le perdite totali di CO2 sono state di 862 teragrammi all'anno, mentre i "guadagni", dovuti alla crescita della vegetazione capace di sequestrarla, di 437 teragrammi all'anno.

I danni più gravi. La situazione peggiore si verifica in America Latina, dove si registra la maggiore riduzione di densità forestale (quasi il 60% del totale delle aree tropicali mondiali) e dove si trova la foresta amazzonica, uno degli ultimi polmoni verdi della Terra. Qui si registra anche il maggiore guadagno di verde (il 43% del totale misurato). Complessivamente, la degradazione delle foreste dovuta alla presenza umana è responsabile del 68,9% delle fughe di C02.

Per queste ragioni, il bilancio del carbonio degli ecosistemi tropicali rimane incerto, conclude lo studio. Una ragione in più per impegnarsi nella tutela delle foreste, uno degli ultimi alleati per provare a incontrare gli obiettivi della COP21.

1 ottobre 2017 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us