Ecologia

Foreste tropicali: da serbatoi a emettitori di CO2

L'eccessiva deforestazione trasforma il verde da spugna a emettitore netto di anidride carbonica.

Nuove misurazioni satellitari dei cambiamenti nella densità forestale scalfiscono una delle poche sicurezze che avevamo contro il global warming: la degradazione delle foreste tropicali sta trasformando i polmoni del Pianeta da serbatoi a emettitori di CO2.

Secondo lo studio pubblicato su Science, queste aree verdi rilasciano, ora, più anidride carbonica di quella che catturano. La ricerca è stata eseguita dagli scienziati del Woods Hole Research Center e dell'Università di Boston osservando 12 anni (dal 2003 al 2014) di foto satellitari , immagini di telerilevamento laser e misurazioni sul campo della copertura forestale tropicale di America, Asia e Africa.

Il confronto ha permesso di stabilire l'entità non solo della deforestazione su larga scala ma anche del disboscamento locale, spesso trascurato in queste indagini: una degradazione parziale e selettiva della vegetazione operata da piccoli agricoltori, che accumulandosi crea danni ingenti.

riscaldamento globale, global warming, oceani, livello dei mari
Riscaldamento globale: è una partita persa o c'è ancora una chance? © Shutterstock

Conti a perdere. Si è visto così che le regioni verdi tropicali sono fonte di anidride carbonica in atmosfera, più ancora che aree di stoccaggio: ogni anno emettono circa 425 teragrammi (ossia milioni di tonnellate) di CO2, più delle emissioni derivanti dai mezzi su strada negli Stati Uniti. Le perdite totali di CO2 sono state di 862 teragrammi all'anno, mentre i "guadagni", dovuti alla crescita della vegetazione capace di sequestrarla, di 437 teragrammi all'anno.

I danni più gravi. La situazione peggiore si verifica in America Latina, dove si registra la maggiore riduzione di densità forestale (quasi il 60% del totale delle aree tropicali mondiali) e dove si trova la foresta amazzonica, uno degli ultimi polmoni verdi della Terra. Qui si registra anche il maggiore guadagno di verde (il 43% del totale misurato). Complessivamente, la degradazione delle foreste dovuta alla presenza umana è responsabile del 68,9% delle fughe di C02.

Per queste ragioni, il bilancio del carbonio degli ecosistemi tropicali rimane incerto, conclude lo studio. Una ragione in più per impegnarsi nella tutela delle foreste, uno degli ultimi alleati per provare a incontrare gli obiettivi della COP21.

1 ottobre 2017 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

ll ritratto, le scoperte, il viaggio sul brigantino Beagle di Charles Darwin, il grande naturalista che riscrisse le leggi della vita e sfidò il pensiero scientifico e religioso del suo tempo. E ancora: la mappa delle isole linguistiche in Italia, per capire dove e perché si parla cimbro, occitano, grecanico o albanese; niente abiti preziosi, gioielli e feste: quando l'ostentazione del lusso era vietata; ritorno a Tientsin, un angolo di Cina “made in Italy”.

ABBONATI A 29,90€

La scienza sta già studiando il futuro di chi abiterà il nostro Pianeta. Le basi lunari e marziane saranno il primo step per poi puntare a viaggi verso stelle così lontane da richiedere equipaggi che forse trascorreranno tutta la vita in astronavi-città. Inoltre: quanto conta il sesso nella vita di coppia; i metodi più efficaci per memorizzare e ricordare; perché dopo il covid l'olfatto e il gusto restano danneggiati. E come sempre l'inserto speciale Focus Domande&Risposte ricco di coriosi quesiti ai quali rispondono studi scientifici.

ABBONATI A 29,90€
Follow us