Ecologia

Fibre di plastica nello stomaco degli animali nella Fossa delle Marianne

Gli animali che vivono nelle profondità oceaniche mangiano plastica: non c'è più alcun luogo del pianeta libero dai rifiuti umani.

Uno studio condotto da ricercatori dell'Università di Newcastle denuncia che i crostacei che vivono sui fondali della Fossa delle Marianne e in altre profondità oceaniche hanno ingoiato fibre artificiali, "plastiche". Lo si è scoperto grazie ai robot sottomarini scesi a 10.000 metri di profondità e oltre per realizzare le riprese per la nuova serie televisiva della BBC, Blue Planet II, e catturare alcuni esemplari per studiarli.

Ovunque nel mondo. Nello stomaco di alcuni crostacei portati in superficie sono state trovate fibre di nylon, polietilene e polivinile, e anche fibre ottenute da cellulosa, come rayon e lyocell.

Una fibra di plastica estratta dallo stomaco di un organismo della Fossa delle Marianne. © BBC

Spiega Alan Jamieson, coordinatore delle operazioni, che «i risultati sono stati immediati e sorprendenti: lo studio dimostra che microfibre artificiali sono giunte in un ecosistema popolato da specie che ancora oggi conosciamo poco e di cui abbiamo dati molto limitati su come erano prima della contaminazione. A questo punto», sottolinea il ricercatore, «è quasi certo che non esistano ecosistemi marini che non siano stati in qualche modo contaminati e influenzati da detriti di origine antropica», ossia prodotti dalle attività umane.

Lo studio non si limita alla Fossa delle Marianne: analoghi risultati vengono dalle aree più profonde di tutto il Pacifico, dal Giappone al Perù, fino a Vanuatu (le ex Nuove Ebridi, Pacifico del sud). Gli esemplari catturati arrivano da profondità che vanno da 6.000 metri fino ai 10.890 metri delle Marianne.

Un appello provocatorio: il Great Pacific Garbage Patch, l'isola di plastica del Pacifico, diventi uno Stato sovrano, con questa bandiera. © Mario Kerkstra/Plastic Oceans/LadBible

Più plastica che pesce. Corpi estranei sono stati rinvenuti nel 50 per cento degli esemplari portati in superficie dai fondali in prossimità di Vanuatu, e in tutti (100%!) gli esemplari prelevati nella Fossa delle Marianne.

Gli organismi che vivono nelle profondità degli oceani banchettano con tutto ciò che arriva sul fondo - incapaci di distinguere il commestibile (tipicamente, organismi morti e parti in decomposizione) da quello che non lo è. Poiché la maggior parte delle fibre sintetiche rimane per lungo tempo sul fondo, prima o poi finisce nei loro stomaci.

Secondo le stime negli oceani vi sarebbero 300 milioni di tonnellate di plastiche e microplastiche - oltre 5.000 miliardi di frammenti: di questi, 250.000 tonnellate galleggia in superficie e va ad alimentare isole di plastica (garbage patch), mentre il resto è in profondità. Se non si interviene seriamente - avvisano gli scienziati - entro il 2050 il "peso" della plastica negli oceani sarà superiore a quello dei pesci.

17 novembre 2017 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Qual è la "retta via" indicata dal Corano e dalla Sunna? Come si riflette la Sharìa – la legge divina islamica - sulla vita delle persone e sugli equilibri fra mondo musulmano e occidente? Viaggio nel fondamentalismo religioso, islamico e non solo, per capire cosa succede quando la parola di Dio viene presa alla lettera, non tiene conto dei cambiamenti storici e sociali e si insinua nella politica.

ABBONATI A 29,90€

Come sarà la città del domani? Pulita, tecnologica, intelligente, come quella in costruzione vicino a Tokyo. E in giro per il mondo ci sono altri 38 progetti futuristici che avranno emissioni quasi azzerate nel nome della salute e dell’ambiente. Inoltre, le missioni per scoprire Venere; come agisce la droga dello stupro sul cervello; il paradosso del metano, pericoloso gas serra ma anche combustibile utile per la transizione energetica.

ABBONATI A 29,90€
Follow us