Ecologia

Federmoda: "Dal riciclo ai negozi con standard 'green', impegnati per una moda sostenibile"

Il segretario generale: "Ci battiamo anche per una maggiore trasparenza delle etichette, fondamentale indicatore della qualità dei capi"

Roma, 16 gen. -(AdnKronos) - Tessuti controllati o riciclati, un'attenzione particolare all'etichettatura dei prodotti e negozi con certificazione 'green'. Anche la Federazione Moda Italia è impegnata per un abbigliamento sostenibile.

"In questi anni stiamo cercando di agire su più fronti - spiega all'Adnkronos Massimo Torti, segretario generale di Federmoda - . Qualche tempo fa per sensibilizzare i giovani stilisti abbiamo presentato a Milano un manuale del Denim, dove venivano indicate tutte le fasi dalla colorazione al processo di lavaggio, fino al controllo del processo finale, insieme a una mostra con sfilata sulla seconda vita del jeans, con capi di abbigliamento riciclati realizzati dagli studenti del Naba Design".

Forte l'impegno di Federmoda sull'etichettatura trasparente dei prodotti tessili. "L'etichetta è fondamentale, la trasparenza di un'etichetta dice moltissimo sulla qualità del prodotto - spiega Torti -. Innanzitutto deve essere in italiano, ovvero niente scritte del tipo wool o cotton ma tutto scritto nella nostra lingua; deve essere indicata la percentuale delle componenti in ordine decrescente e, in base al codice del consumo è obbligatorio che sia presente il marchio e la sede legale. Non obbligatoria è invece l'indicazione del 'made in', l'etichetta di manutenzione (con le indicazioni per il lavaggio e il trattamento del capo) e la tracciabilità".

"Su questo Federmoda si sta battendo - spiega Torti - perché alcune modifiche vengano fatte. Per poter scrivere 'made in Italy', secondo il codice delle dogane, basta attualmente che in Italia sia stata fatta l'ultima lavorazione sostanziale. Noi invece - spiega - chiediamo che siano obbligatorie almeno due delle quattro fasi che contraddistinguono la realizzazione di un prodotto".

Ultimo aspetto al centro dell'attenzione della Federazione della moda, è la sostenibilità ambientale dei negozi. "Con l'Uni abbiamo stilato delle linee guida con dei requisiti per uno standard di vendita, tra questi c'è la sostenibilità ambientale. Standard che, sulla scorta ad esempio, della produzione dei rifiuti e del relativo smaltimento degli imballaggi, del passaggio da illuminazione tradizionale con lampade alogene e ad incandescenza a quella ad alto risparmio energetico a led, sono anche in grado di rilevare una connotazione di sostenibilità. A questi esercizi viene rilasciato il marchio di negozio 'green'".

16 gennaio 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Settant’anni fa agli italiani arrivò un regalo inaspettato: la televisione. Quell’apparecchio – che pochi potevano comprare e quindi si vedeva tutti insieme – portò con sè altri doni: una lingua in comune, l’intrattenimento garantito, le informazioni da tutto il mondo. Una vera rivoluzione culturale e sociale di cui la Rai fu indiscussa protagonista. E ancora: i primi passi della Nato; i gemelli nel mito e nella società; la vita travagliata, e la morte misteriosa, di Andrea Palladio; quando, come e perché è nato il razzismo; la routine di bellezza delle antiche romane.

ABBONATI A 29,90€

I gemelli digitali della Terra serviranno a simularne il futuro indicando gli interventi più adatti per prevenirne i rischi ambientali. E ancora, le due facce dell’aggressività nella storia dell’evoluzione umana; com’è la vita di una persona che soffre di balbuzie; tutti gli strumenti che usiamo per ascoltare le invisibili onde gravitazionali che vengono dall’alba dell’universo; le pillole intelligenti" che dispensano farmaci e monitorano la salute del corpo.

ABBONATI A 31,90€
Follow us