Ecologia

Ewit, progetto di cooperazione Ue-Africa sulla gestione Raee a coordinamento italiano

L'Unione Europea ha affidato il compito a ReMedia: il progetto, del valore di 1,6 milioni di euro, realizza il gemellaggio di quattro aree metropolitane africane con quattro europee

Roma, 17 mar. - (AdnKronos) - Sarà italiano il coordinamento di un progetto di cooperazione tra Europa e Africa, del valore di oltre 1,6 milioni di euro, dedicato alla gestione dei Raee, i Rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche. L’Unione Europea, nell’ambito del suo programma di finanziamenti Horizon 2020, ha infatti affidato il compito a ReMedia, sistema collettivo italiano no-profit per la gestione eco-sostenibile dei Raee, dei rifiuti da pile e accumulatori esausti.

Al progetto Ewit (‘e-waste implementation toolkit’) partecipano 24 partner internazionali, appartenenti al mondo della ricerca accademica, delle istituzioni locali e dell’industria. Iniziato a febbraio 2015, si concluderà a fine gennaio 2017. Il progetto realizza il gemellaggio di quattro aree metropolitane africane con quattro europee e si propone di condividere le best practices di queste ultime per sviluppare sistemi efficaci di gestione e di valorizzazione dei Raee nelle arre africane.

Firenze, Anversa, Oporto e Vienna sono le realtà europee che porteranno la propria esperienza nella gestione dei rifiuti tecnologici nelle aree metropolitane africane di Choma (Zambia), Abidjan (Costa d’Avorio), Johannesburg (Sud Africa) e Kisii (Kenya).

Le best practices targate Ue saranno raccolte in un portale che le renderà fruibili da enti territoriali e altri stakeholder potenzialmente interessati alla governance dei Raee su scala urbana in contesti di forte sviluppo. Grazie all’implementazione del portale, destinato ad evolversi e arricchirsi di contenuti anche dopo la fine del progetto, Ewit punta a offrire benefici concreti in termini sia ambientali sia di tutela della salute dei lavoratori impiegati nel settore.

Il piano di lavoro comprende diverse fasi, che vanno dalla mappatura dei dati a disposizione e della capacità delle aree africane coinvolte nella gestione dei rifiuti tecnologici, alla raccolta e analisi dei casi di eccellenza, di processi e strumenti in grado di generare valore, fino alla realizzazione del portale informativo a guida e supporto dell’implementazione di un sistema efficace e sostenibile di riciclo.

Obiettivo: aiutare i comuni africani sia a sviluppare dieci sistemi di gestione dei rifiuti elettronici sia a definire obiettivi a medio termine legati all’incremento delle opportunità di riciclo e capaci di portare benefici economici rilevanti e misurabili. Il cambiamento degli stili di vita e di consumo della classe media in Africa sta incrementando la composizione e il flusso di rifiuti nel continente

Secondo le previsioni, entro il 2020 la quantità di rifiuti tecnologici generati in Africa raggiungerà 4 milioni di tonnellate all’anno, contro i 2 milioni di tonnellate attuali (2kg/abitante).

Di queste, solo 200mila vengono gestite correttamente da un punto di vista ambientale, della salute e del recupero di materie prime. Il progetto coordinato da ReMedia si propone di migliorare questo dato almeno del 30%.

Considerando il ritmo di crescita dell’e-waste nel continente africano, l'obiettivo del progetto consentirebbe, in prospettiva, di portare la quantità di rifiuti tecnologici da avviare a un corretto riciclo a 1 milione di tonnellate, con un potenziale economico di almeno 300 milioni di euro. Ad esempio, la disponibilità di oltre 30.000 tonnellate di Raee all’anno può portare a un recupero di 25.000 tonnellate di materie prime seconde da reinserire nel ciclo produttivo.

Un altro degli obiettivi di Ewit è quello di contrastare export illegale, riconvertendo i flussi provenienti dall’Europa in business legali. Secondo recenti studi il 3-5% dei rifiuti tecnologici generati nel continente europeo viene esportato illegalmente nel continente africano. Si tratta di 300.000 tonnellate che, quando ricondotte all’interno di un sistema di gestione ambientalmente e socialmente sostenibile, potrebbero generare almeno 1.500 nuove opportunità lavorative.

“Il progetto Ewit è stato scelto dalla Commissione Europea come iniziativa di eccellenza sulla gestione dei Raee e rappresenta un’importante opportunità per valorizzare l’esperienza sviluppata negli ultimi 10 anni nel nostro continente, adattandola alle necessità delle grandi aree metropolitane africane”, dichiara Danilo Bonato, direttore generale di ReMedia.

“Consorzio ReMedia - aggiunge - è orgoglioso di coordinare questo progetto e di poter così testimoniare la capacità italiana di guidare un’iniziativa strategica di alto livello, che coinvolge stakeholder di primo piano, pubblici e privati, nei due continenti”.

17 marzo 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us