Ecologia

Le esondazioni in Europa

I cambiamenti climatici influenzano la gravità degli straripamenti dei fiumi, ma con effetti opposti da una regione geografica all'altra: nuovi elementi da considerare nelle valutazioni del rischio idrogeologico.

C'è voluto il lavoro di 35 gruppi di ricerca di tutta Europa per confermare, se mai ce ne fosse stato bisogno, che i capricci del clima stanno alterando la portata dei fiumi e modificando la severità delle esondazioni, tra i più frequenti e onerosi disastri naturali. A sottolinearlo è uno studio coordinato dalla Vienna University of Technology, pubblicato su Nature, che ha analizzato i dati raccolti fra il 1960 e il 2010 da più di 3.700 stazioni di monitoraggio europee.

Allo studio hanno partecipato il Politecnico di Torino, l'Università di Napoli Federico II, l'Università di Roma Tre e le Università di Messina, Padova e Bologna.

Fiumi, cambiamenti climatici e inondazioni
Canali, rogge, fiumi interrati sotto strade e case, com'è successo al Seveso a Milano: ed ecco il risultato dopo una delle ormai frequenti "bombe d'acqua" che persino a novembre si scatenano con tuoni e fulmini, come temporali d'agosto. © Stockimo / Shutterstock

Differenze regionali. Negli ultimi 50 anni, si legge nello studio, l'entità e l'andamento delle esondazioni sono cambiati drasticamente: nell'Europa centrale e nord-occidentale, fra l'Islanda e la catena alpina, il fenomeno è cresciuto dell'11% al decennio rispetto alle medie calcolate nel lungo periodo, a causa dell'aumento della piovosità in autunno e inverno e dell'elevata umidità del terreno.

Fiumi, cambiamenti climatici e inondazioni
Impossibile fermarla: quando esce dagli argini arriva dappertutto. © napatsorn aungsirichinda / Shutterstock

Un quadro complesso. Viceversa, nell'Europa meridionale e orientale lo straripamento dei fiumi è diminuito fino al 23%, per esempio in alcune regioni della Russia: ciò sarebbe dovuto, spiegano gli scienziati, a una concomitanza di fattori, da precipitazioni ridotte a temperature più alte, che nei Paesi più a sud favoriscono l'evaporazione di acqua dal suolo.

Nell'Europa dell'Est, dove il clima è continentale, a contribuire alla riduzione delle esondazioni sarebbe invece la minore quantità di neve che cade durante l'inverno. In questo discorso non rientrano, tuttavia, i fiumi più piccoli, i cui straripamenti potrebbero invece aumentare a causa della maggiore frequenza di intensi temporali e della maggiore deforestazione.

Il "problema fiumi" non è certo recente: in molti Paesi europei, inclusa l'Italia, il dissesto idrogeologico mette a rischio la sicurezza delle persone e degli abitati. E a livello mondiale le esondazioni causano danni per oltre 100 miliardi di dollari l'anno. Questo studio fa dunque luce su uno scenario concreto: i cambiamenti nelle dinamiche delle esondazioni fluviali richiedono la messa a punto di nuove misure protettive e una più precisa mappatura delle zone a rischio.

13 novembre 2019 Letizia Allevi
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us