Ecologia

Esistono scuolabus... a pedali?

Lo ha inventato uno studente di Rouen, in Francia. E ora i bambini vanno da casa a scuola (e viceversa) pedalando su un autobus davvero ecologico!

A Rouen, nel Nord della Francia, è operativo il servizio S’Cool Bus, uno scuolabus ecologico che funziona a pedali. A muoverlo sono infatti gli stessi passeggeri, ossia i bambini da 4 a 12 anni che ogni giorno vengono trasportati da casa a scuola. Sullo S’Cool Bus, che circola su piste ciclabili, c’è posto per otto mini passeggeri più uno per l’adulto alla guida, che dirige il mezzo manovrando il manubrio. Ogni postazione è dotata di pedali, ma in caso di necessità la trazione è assicurata anche da una batteria elettrica.

Crowfunding. A inventare lo S’Cool Bus è stato uno studente francese di economia, il 24enne Amaury Piquiot, che ha finanziato il progetto attraverso una campagna di crowfunding. L’idea di un mezzo di trasporto a impatto zero, che fra l’altro consente ai bambini di divertirsi effettuando anche attività fisica, ha avuto un grande successo. Tanto che gli S’Cool Bus potrebbero presto entrare in servizio anche in altre zone della Francia.

E in Italia? Le iniziative di genitori che si organizzano per portare a scuola i propri figli in bicicletta non mancano: Bike to School • Roma Massa marmocchi • Milano o Biketoschool Torino

Sotto l'anteprima sfogliabile del nuovo Focus Domande & Risposte, da cui è tratto questo articolo, si trova il video dello scuolabus in azione.


Il video dello S’Cool Bus

16 gennaio 2017
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us