Ecologia

Ensete, il falso banano che sfamerà milioni di persone

L'albero dell'ensete, detto anche falso banano, potrebbe compensare la diminuzione prevista di alimenti come riso, grano e mais causate dai cambiamenti climatici.

In Etiopia c'è una pianta che potrebbe sfamare oltre 100 milioni di persone: si chiama ensete, o falso banano (Ensete ventricosum), ed è praticamente sconosciuta al di fuori del Paese africano. Una ricerca pubblicata su Environmental Research Letters ne ha indagato la possibile espansione, stimando che potrebbe occupare il 22% delle terre coltivate e sfamare quasi il 30% delle popolazioni che abitano l'Africa meridionale e orientale.

Donna etiope fa porridge di ensete
Una donna etiope prepara un porridge con le radici e gli steli del falso banano. © Glen Berlin

Resistente. Il frutto dell'ensete, parente della più conosciuta banana, non è commestibile: tuttavia gli steli e le radici amidacee della pianta possono essere fermentati e utilizzati per preparare pane e porridge. Il vantaggio del falso banano è la sua adattabilità: «Può venire piantato ovunque e raccolto in qualunque stagione, ed è perenne», spiega James Borrell, uno degli autori dello studio: «per questo viene chiamato l'albero contro la fame».

Albero del pane
Anche l'albero del pane è un candidato valido per sfamarci nel futuro: i suoi frutti potrebbero in parte compensare quello che i cambiamenti climatici ci faranno perdere in raccolti. © Astudent82/Shutterstock

Diversificare. Da tempo gli esperti si interrogano su quale sarà il cibo del futuro, specialmente in vista dei cambiamenti che subirà il territorio a causa della crisi climatica. La chiave per continuare ad avere alimenti per tutti è diversificare le coltivazioni: «al momento stiamo tenendo tutte le uova nello stesso paniere», commenta Borrell, in riferimento al fatto che quasi la metà delle calorie che assumiamo provengono da tre specie – riso, frumento e mais. Se un giorno il clima non permettesse più di coltivare queste piante, dovremmo farci trovare preparati con altre più resistenti.

6 febbraio 2022 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cent'anni fa, la scoperta del secolo: la tomba di Tutankhamon – l'unica ritrovata intatta nella Valle dei Re - svelò i suoi tesori riempendo di meraviglia gli occhi di Howard Carter prima, del mondo intero poi. Alle sepolture più spettacolari di ogni epoca è dedicato il primo piano di Focus Storia. E ancora: la guerra di Rachel Carson, la scienziata-scrittrice pioniera dell'ambientalismo; i ragazzi italiani assoldati nella Legione Straniera e mandati a morire in Indocina; Luigi Ferri, uno dei pochi bambini sopravvissuti ad Auschwitz, dopo lunghi anni di silenzio, si racconta.

ABBONATI A 29,90€

L'amore ha una scadenza? La scienza indaga: l’innamoramento può proseguire per tre anni. Ma la fase successiva (se ci si arriva) può continuare anche tutta la vita. E l'AI può dirci quanto. E ancora, Covid: siamo nel passaggio dalla fase di pandemia a quella endemica; le storie geologiche delle nostre spiagge; i nuovi progetti per proteggere le aree marine; tutti i numeri dei ghiacciai del mondo che stanno fondendo.

ABBONATI A 31,90€
Follow us