Ecologia

Elisir latte d'asina, dalle allergie alle rughe. Il formaggio a 1500 euro al kg

Tutti i volti del latte, anche per chi segue una dieta 'veg' (Vai allo speciale)

Roma, 29 mag. - (AdnKronos) - Si narra che Cleopatra, per mantenere intatta la sua leggendaria avvenenza e conservare lo splendore della propria pelle, avesse l'abitudine di immergersi nel latte d'asina, un bagno di bellezza per il quale per occorreva il latte di ben 700 asine. E pare lo facessero anche Paolina, sorella di Napoleone Bonaparte, e Poppea, come riferisce Plinio il Vecchio.

“Si ritiene che il latte d'asina elimini le rughe dalla pelle del viso e la renda più morbida e bianca e si sa che certe donne vi si curano le gote sette volte al giorno, facendo bene attenzione a questo numero - scrive il naturalista romano - Fu Poppea, la moglie dell'imperatore Nerone ad inaugurare questa moda, facendone uso anche per il bagno, e per questo in viaggio si portava indietro mandrie di asine”.

Ma le virtù del latte d'asina sono legenda o realtà? Ettore Togneri, uno dei 27 produttori italiani di latte d'asina e presidente del Consorzio Italiano Latte Asina, non ha dubbi: "E' tutto vero", conferma all'Adnkronos, e le virtù quasi miracolose di questo vero e proprio elisir non si limitano alla bellezza, ma spaziano dalle allergie e le intolleranze alimentari alla cura di malattie infiammatorie croniche intestinali come il morbo di Crohn e colite ulcerosa.

Un alimento davvero prezioso, in tutti i sensi: 15 euro al litro. E il formaggio d'asina che da poco si è riusciti a produrre ("il primo al mondo", sottolinea Togneri) costerà ben 1.500 euro al kg (100 i litri di latte d'asina necessari per produrre un solo kg di formaggio). Impossibile abbattere i costi perché un'asina non è un mucca: produce latte solo 6 mesi l'anno e ha una mammella molto piccola.

"Noi riusciamo a produrre un litro al giorno", aggiunge il produttore. Il settore è dunque destinato a rimanere comunque di nicchia. Ma se si obietta che il prezzo sia comunque troppo alto, Togneri risponde: "Un litro di antibiotico costa di più e fa meno effetto". Ed ecco perché.

"Il latte d'asina è molto utile nei casi di immunodeficienza perché contiene un antibiotico naturale, la lisozima", spiega il presidente del consorzio. Lisozima che ha tra le sue proprietà quella di "ricostruire i villi intestinali, per lo stomaco il latte d'asina è dunque perfetto nei casi di gastroenterite da reflusso per curare le micro ulcerazioni e in Germania lo usano per il morbo di Crohn".

Un alimento prezioso soprattutto per i bambini. "Per le intolleranze e le allergie al latte di mucca, il latte d'asina rappresenta un sostituto quasi naturale, è infatti simile al 95% a quello materno, mentre quello di mucca si ferma al 7%".

E sul fronte bellezza, il latte d'asina è un prezioso alleato "nella ricostruzione della parte superficiale della pelle, ha un effetto esfoliante e ringiovanisce", spiega Ettore Togneri che con il latte d'asina realizza una linea cosmetica “bio” che si chiama Milk Land. Ma ad ogni modo "non destiniamo più del 20% del latte d'asina per la cosmesi, l'80% va all'alimentazione pediatrica".

Eppure, fino a poco tempo fa la strada per il latte d'asina era tutta in salita, almeno a livello normativo. "Fino al 2004, in assenza di una normativa, in Italia si faceva riferimento a un regio decreto del 1929 che classificava il latte d'asina come 'oggetto'. Doveva quindi essere imbottigliato senza etichetta in quanto non alimento. Oggi, con il recepimento della normativa Ue, è un alimento a tutti gli effetti e si può acquistare dai produttori, nelle farmacie e nella grande distribuzione".

29 maggio 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us