Ecologia

Eco carburante dalla plastica riciclata

Riciclare la plastica in carburanti e altre sostanze utili: ci è riuscito un team di ricercatori americani che ora vuole commercializzare l'idea.

Secondo le Nazioni Unite ogni anno finiscono in discarica 300 milioni di tonnellate di plastica. Per risolvere il problema in maniera definitiva l'unica soluzione sembra essere quella di ridurne drasticamente l'utilizzo, ma la sua versatilità e il bassissimo costo di produzione rendono questa strada, di fatto, poco seguita. E così mentre i ricercatori di tutto il mondo lavorano da anni alla messa a punto di un materiale che sia paragonabile alla plastica dal punto di vista industriale ed economico, e allo stesso tempo ecosostenibile, altri scienziati pensano a come riutilizzare le montagne di rifiuti sintetici che produciamo ogni giorno.

Combustibile plastico. Hongfei Lin e i suoi colleghi della Washington State University hanno recentemente sviluppato un innovativo processo che consente di trasformare la plastica in carburante per aerei. I ricercatori hanno sfruttato un procedimento noto da tempo, la pirolisi, che prevede il riscaldamento della plastica ad alta temperatura, tra i 300 e i 900 °C, in un ambiente privo di ossigeno.

In queste condizioni la plastica si scinde in varie sostanze, e con l'aggiunta di opportune sostanze chimiche è possibile ottenere nuovi prodotti, come carburanti, lubrificanti e gas combustibili.

Questione di solvente. Gli scienziati si sono concentrati sul polietilene, una delle materie plastiche più diffuse al mondo, e hanno provato a trattarla, prima della pirolisi, con vari solventi fino a scoprire che l'n-esano, un altro derivato del petrolio, è quello che offre i rendimenti più alti alla fine della reazione. Se invece si vogliono ottenere lubrificanti di alta qualità è meglio arricchire il processo con un solvente diverso, il metilcicloesano.

I ricercatori hanno quindi riscaldato la plastica per un'ora a 220 °C e hanno poi iniettato nella reazione dell'idrogeno: il 90% del polietilene si è convertito in combustibile aeronautico e lubrificante, mentre il restante 10% si è trasformato in metano.

Affari accademici. Cambiando i solventi e gli additivi chimici il processo può essere applicato a diversi tipi di plastica, per esempio al poliestere. E dal punto di vista energetico questa pirolisi modificata non sembra essere particolarmente costosa. I vertici dell'Università credono così tanto nel progetto che sono al lavoro per brevettarlo e avviare un trial commerciale così da verificarne l'effettiva sostenibilità economica.

13 giugno 2021 Rebecca Mantovani
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Perché Gesù finì sulla croce? A chi dava fastidio davvero, e di cosa fu accusato? Nella Palestina di duemila anni fa, ricostruiamo il processo che condannò alla più terribile delle pene il predicatore di Nazareth, consegnandolo per sempre alla Storia e, per i credenti, alle braccia del Padre.

ABBONATI A 29,90€

Il cervello è l'organo più complesso da scoprire. Ecco le ultime rivelazioni della scienza. Inoltre: i laboratori bunker dove si manipolano i virus; tornano i supersonici per attraversare la stratosfera; quanto e come si allenano gli atleti delle Olimpiadi.  E ancora sei bugiardo o super bugiardo? Scoprilo con il test. 

ABBONATI A 29,90€
È vero che il mare non è sempre stato blu? La voglia di correre è contagiosa? Perché possiamo essere crudeli con gli altri? Si possono deviare i fulmini? Che cosa fare (e cosa non fare) per piacere di più? Queste e tantissime altre domande e risposte, sempre curiose e divertenti, sul nuovo numero di Focus D&R.
 
ABBONATI A 29,90€
Follow us