Ecologia

E' vecchio il nostro patrimonio immobiliare, solo il 15% nelle classi più efficienti

Dal 14 al 17 ottobre 2015 si terrà a BolognaFiere, in contemporanea con Saie Smart House, il nuovo evento Sie, il Salone dell’Innovazione Impiantistica per gli Edifici

Roma, 11 mar. - (AdnKronos) - Il 38,6% della produzione di energia elettrica proviene da fonti rinnovabili; l’83,6% del patrimonio immobiliare ha più di vent’anni e solo il 15% circa rientra nelle classi energetiche più efficienti. E' questa la fotografia del nostro Paese che emerge dall’Indice 'Green Economy 2014' elaborato da Fondazione Impresa, secondo cui il risparmio energetico certificato con i Titoli di efficienza energetica (Tee) è pari a 290,3 tep/1000 abitanti; mentre il numero di documentazioni relative alle detrazioni fiscali per la riqualificazione energetica degli edifici corrisponde a 24,1 ogni 1.000 abitanti.

Per quanto riguarda inoltre il patrimonio immobiliare, ben il 55,4% delle unità abitative è stato costruito prima del 1971 e richiede una seria strategia di intervento, mentre oltre un quarto (28,2%), risalente al ventennio tra il 1972 e il 1991, necessita di investimenti in efficientamento. Si aprono quindi grandi opportunità per gli operatori del settore sul fronte della riqualificazione, ma per ottenere risultati significativi in termini di efficienza energetica è importante tenere conto, in fase di progettazione, dell’integrazione tra edificio e impianto.

E’ proprio con questo obiettivo che dal 14 al 17 ottobre 2015 a BolognaFiere si terrà Sie, Salone dell’Innovazione Impiantistica per gli Edifici, il nuovo evento organizzato da Senaf in contemporanea con Saie Smart House. In particolare Sie focalizzerà l’attenzione sulle innovazioni di prodotto e sulle nuove tecnologie relative ai settori dell’impiantistica termoidraulica, della climatizzazione, delle energie rinnovabili e della home & building automation.

11 marzo 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us