Ecologia

È davvero possibile estrarre petrolio dall'aria?

Facendo i conti dell'energia necessaria non è detto che convenga...

di
L'azienda inglese Air Fuel Synthesis dichiara di essere riuscita a produrre petrolio dalla CO2 e dall'idrogeno. Ma sono minuscole quantità e serve una fonte di energia. Forse non ne vale la pena...

"Da agosto a oggi sono stati prodotti solo 5 litri di petrolio"

Il sogno del petrolio -

Air Fuel Synthesis

Come funziona - Considerato il potenziale inquinamento derivante dalle estrazioni di petrolio, vale la pena di prestare attenzione a quanto afferma l'azienda. Per capire il processo usato da Air Fuel Synthesis per produrre petrolio dall'aria basta pensare alla parola "idrocarburi". Cioè idrogeno e carbonio, due sostanze che si trovano naturalmente nell'aria e nell'acqua in abbondanza. Il primo come H2O, il secondo soprattutto nella CO2: una molecola formata da due atomi di ossigeno e uno di carbonio. Se si riesce a estrarre il carbonio dalla CO2, e a unirlo all'idrogeno preso dall'acqua, si ottiene un idrocarburo e uno scarto per nulla pericoloso: l'ossigeno.

Ci vuole l'energia! - Al momento i risultati sembrerebbero minimi: l'azienda afferma di aver estratto appena 1,3 galloni di petrolio, pari a circa 5 litri, da agosto a oggi. L'idea è di passare alla fase due, con un impianto commerciale da 240 galloni al giorno, per poi fare una vera e propria raffineria nei prossimi 15 anni. Il vero problema, che ci riescano o meno, è che per generare qualunque reazione chimica del genere serve dell'energia e il rischio è che se ne usi di più per fare il petrolio dall'aria di quanta poi ne offra il petrolio stesso con il suo utilizzo. Air Fuel Synthesis afferma che l'energia elettrica necessaria a far funzionare l'impianto arriverà da fonti rinnovabili, minimizzando il problema energetico, ma i primi test finora sono stati eseguiti con della normalissima elettricità prelevata dalla rete elettrica. (sp)

20 geniali idee ecologiche per la tua casa

31 ottobre 2012
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Scipione e Annibale, Mario e Silla, Demostene e Filippo II di Macedonia... I giganti della Storia che hanno passato la loro vita a combattersi, sui campi di battaglia e non solo. E ancora: l'omicidio di Ruggero Pascoli, il padre del famoso poeta, rimasto impunito; il giro del mondo di Magellano e di chi tornò per raccontarlo; la rivoluzione scientifica e sociale della pillola anticoncezionale; nelle prigioni italiane dell'Ottocento; come, e perché, l'Inghilterra iniziò a colonizzare l'Irlanda.

 

ABBONATI A 29,90€

Tigri, orsi, bisonti, leopardi delle nevi e non solo: il ricco ed esclusivo dossier di Focus, realizzato in collaborazione con il Wwf, racconta casi emblematici di animali da salvare. E ancora: come la plastica sta entrando anche nel nostro organismo; che cos’è l’entanglement quantistico; come sfruttare i giacimenti di rifiuti elettronici; i progetti più innovativi per poter catturare l’anidride carbonica presente nell’atmosfera.

ABBONATI A 31,90€
Follow us