Ecologia

Dobbiamo diminuire (di molto) il consumo di carne

Per ridurre l'impatto ambientale dell'allevamento e rispettare gli obiettivi climatici internazionali, noi europei dovremmo mangiare il 75% di carne in meno ogni anno.

Mangiamo troppa carne, e questo fa male sia alla salute nostra che a quella del Pianeta. Secondo uno studio pubblicato su Annual Review of Resource Economics ogni cittadino europeo consuma in media 80 kg di carne l'anno: «Se tutti gli abitanti della Terra consumassero la stessa quantità di carne degli europei e dei nord americani, non avremmo alcuna speranza di raggiungere gli obiettivi climatici internazionali», sottolinea Matin Qaim, uno degli autori.

Meno carne. Secondo quanto rilevato dagli studiosi, per diminuire l'impatto ambientale derivato dall'allevamento di animali da macello dovremmo ridurre il consumo di carne a 20 chili annui pro capite. Questo, sottolinea Qaim, non vorrebbe dire comunque diventare tutti vegetariani: oltre a essere una strada difficilmente percorribile, quella del veganismo o vegetarianismo potrebbe essere una soluzione controproducente. «Non possiamo vivere di erba, mentre i ruminanti sì», chiarisce Qaim, sottolineando che non tutti i terreni del mondo sono coltivabili e che, se i prati non possono essere utilizzati in altro modo, «è logico allevarvi bestiame».

Maggiori produttori carne
Chi sono i maggiori produttori di carni bovine al mondo? In testa vi sono gli Stati Uniti, con 12,6 milioni di tonnellate prodotte nel 2021 (secondo stime di inizio dello scorso anno), in coda l’Australia, con 2,1 milioni di tonnellate. © FAO, US Department of Agriculture | Statista

Bisogna poi considerare che verdure e legumi possono essere seminati solo in determinati periodi dell'anno, e che nelle regioni più povere del Pianeta mancano fonti vegetali ricche di proteine e micronutrienti: «In questi casi, gli animali sono un elemento chiave per una dieta sana ed equilibrata», spiega Qaim, evidenziando anche che l'allevamento di bestiame è per molte famiglie fonte di sostentamento economico. Il problema, in ogni caso, non sono gli abitanti dei Paesi più poveri, che consumano poca carne, ma quelli dei Paesi più ricchi, dove bistecche e salumi sono (quasi) all'ordine del giorno.

Tassare le bistecche? Quali soluzioni ci sono per combattere questo super-carnivorismo diffuso? Un'opzione sarebbe quella di tassare i cibi di provenienza animale: «Sarebbe certamente una decisione impopolare, anche perché aumentare del 10-20% il prezzo non sarebbe sufficiente», sottolinea Qaim. La produzione della carne, però, ha un costo ambientale molto alto, che deve essere rispecchiato nel prezzo finale: è giusto che il consumatore si assuma una parte dei costi, anche se, in realtà, pagare di più non contribuirà a far diminuire le emissioni di metano o CO2.

1 maggio 2022 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us