Ecologia

Dna ambientale per lo studio della fauna acquatica

Biodiversità: messo alla prova con ottimi risultati un nuovo metodo di censimento ittico, studiato in Svizzera.

I ricercatori della Rockefeller University (New York) sono stati i primi a sperimentare il metodo della mappatura del Dna ambientale per monitorare la fauna acquatica, nello specifico di questo lavoro nei fiumi Hudson ed East River (New York), per un periodo di sei mesi, per rilevare le specie che popolano o transitano in quei corsi d’acqua.

Il cosiddetto Dna ambientale (eDNA, environmental DNA in inglese) è costituito dalle tracce lasciate in acqua da qualunque organismo vi sia passato, pesce o insetto che sia, compresi animali come castori o nutrie. Il metodo di analisi di queste tracce è stato descritto per la prima volta nel 2016 da ricercatori dell'università di Zurigo.

Per approfondire: che cos'è la biodiversità? © Konrad Wothe/Minden Pictures/Contrasto

I dati hanno fornito una dettagliata panoramica dei movimenti stagionali dei pesci, in linea con i risultati di precedenti studi - condotti però con metodi più intrusivi, come la raccolta di campioni con reti a strascico. Il nuovo metodo non ha invece alcun impatto sull'ambiente - oltre a essere molto economico.

«Mentre nuotano, i pesci lasciano in acqua tracce di Dna, dalla pelle o dalle secrezioni, per esempio», ha spiegato il coordinatore dello studio, Mark Stoeckle, «e alcuni ricercatori in Europa hanno dimostrato che piccole quantità d’acqua contengono tracce sufficienti per individuare il passaggio di dozzine di specie di pesci.»

Il lavoro della Rockfeller conferma la validità di questo metodo d’indagine sugli ambienti acquatici e gli addetti ai lavori sperano in una sua ampia diffusione, perché - commenta Stoeckle - «è sbalorditivo come da una piccola quantità d’acqua si possano ricavare le stesse informazioni contenute in una grande rete piena di pesci», che oltretutto non solo non fa distinzione tra ciò che si può prendere e ciò che invece bisogna lasciare in acqua, ma che può anche facilmente distruggere ampie aree di flora acquatica.

16 aprile 2017 Gianluca Liva
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us