Ecologia

Dipingere le pale eoliche a strisce ridurrebbe le morti tra gli uccelli?

Per ridurre l'impatto delle pale eoliche sulle popolazioni di uccelli, una soluzione è quella di dipingerle a strisce.

Dipingere le pale eoliche a strisce: è la soluzione, semplice a a basso costo, per evitare che uccelli e pipistrelli rischino la morte ogni volta che ci passano vicino. A individuarla è stato uno studio di tre anni fa approfondito oggi da un altro lavoro, pubblicato su Global Ecology & Conservation.

Le pale eoliche esistono da più di un secolo, ma è solo negli ultimi anni che si sono moltiplicate e, soprattutto, sono diventate il centro di un dibattito acceso tra chi vorrebbe che fossero uno dei motori della cosiddetta "transizione verde" e chi, invece, sostiene che la loro presenza abbia un impatto paesaggistico e ambientale superiore ai vantaggi che portano. Uno degli argomenti più validi a supporto di questa seconda visione è quello proprio quello legati ai volatili.

Basta una striscia? Ogni anno, nei soli Stati Uniti, un numero compreso tra i 150.000 e i 500.000 uccelli muoiono a causa della collisione con una pala eolica: le strutture sono generalmente dipinte di bianco per ridurne l'impatto sul paesaggio (una delle grandi critiche che vengono fatte dai loro detrattori) e renderle il più possibile "invisibili". Il problema è che in questo modo non diventano invisibili solo a noi umani, ma anche agli altri animali: per gli uccelli questo significa rischiare di volarci dentro senza accorgersene (o almeno non fino a quanto è troppo tardi per tornare indietro).

Lo studio del 2020 proponeva una soluzione: aggiungere una striscia colorata ai rotori così da renderli più visibili; secondo gli autori, questo basterebbe per ridurre le morti del 70%. Lo studio di quest'anno fa un passo ulteriore, e individua lo schema cromatico perfetto per massimizzare l'efficacia del metodo: dipingere sui rotori non una ma più strisce colorate.

Zebre eoliche. In questo modo, secondo gli autori, il contrasto tra i rotori bianchi e quelli neri è al suo massimo, e fa sì che gli uccelli riescano a individuare le strutture anche in condizioni di bassa luminosità. Un effetto amplificato dal fatto che una pala eolica a strisce bianche e nere produce, mentre ruota, una sorta di sfarfallio che gli uccelli sono adattati a notare anche a distanza.

Lo studio non azzarda previsioni numeriche, ma suggerisce che se tutti i produttori di pale eoliche applicassero questo accorgimento, l'impatto sulla sopravvivenza degli uccelli locali sarebbe enorme. Certo, questo vorrebbe dire rinunciare alle pale bianche in favore di strutture più evidenti, un fatto che potrebbe generare proteste in chi già pensa che le turbine rovinino il paesaggio.

Prima di sciogliere questo nodo, però, bisogna sperimentare il metodo delle strisce: per ora si tratta solo di un'idea non ancora testata sul campo.

9 marzo 2023 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us