Ecologia

Di cavolo nero o con ceci e pere, star bene con una zuppa al giorno

Roma, 12 gen. (AdnKronos) - Calde, colorate, nutrienti e salutari. Sono le zuppe, primo piatto tipico della stagione invernale. Vellutate o a pezzetti, di sole verdure o con l’aggiunta di cereali e legumi, si possono declinare in tantissimi modi seguendo i propri gusti. "La zuppa è sicuramente un primo piatto molto nutriente e completo", spiega Cristiano Bonolo, chef di Vegolosi.it.

"Se alle verdure aggiungiamo anche cereali e legumi abbiamo creato un piatto privo di grassi ma ricco di fibre, proteine, vitamine e minerali con un potere saziante elevato. Personalmente, consiglio una zuppa almeno una volta al giorno: oltre ai benefici derivanti dai nutrienti assimilati, è una pietanza che riduce l'assunzione di calorie e favorisce la digestione", suggerisce Bonolo.

Due le regole fondamentali per una zuppa doc: verdure di stagione e un buon brodo, magari aromatizzato alle spezie. "Il segreto di una buona zuppa non sono solamente le verdure, che devono essere di stagione. Fondamentale è la preparazione del brodo, in versione vegetale - chiarisce lo chef del magazine di cucina veg - Io lo preparo con una base di verdure che mi piace arrostire in forno o saltare velocemente in padella. Nel brodo scelgo di non esagerare con il sale preferendo erbe e spezie, che lo aromatizzano in maniera speciale".

"La zuppa 'classica' prevede l'utilizzo di verdure fresche e a foglia verde come piselli, zucchine, cavolo e prezzemolo, abbinati a patate e pomodori che donano colore. Per una zuppa in questa stagione sceglierei del buon cavolo, della verza e della zucca. Partiamo con un buon soffritto con cipolla e sedano, al quale aggiungiamo le verdure tagliate a dadini e il brodo vegetale e cuociamo fino a quando le verdure saranno al dente".

Secondo i gusti, può essere cremosa o a pezzetti. "La vellutata è una zuppa molto delicata e cremosa - spiega lo chef - Solitamente viene preparata con verdure di stagione che vengono cotte e poi frullate fino a ottenere la consistenza desiderata. È un piatto molto piacevole ed elegante, anche perché ci si può sbizzarrire decorandolo a piacere prima di servire. Nella zuppa, invece, le verdure rimangono integre e a pezzi. Il vantaggio? Una maggior sensazione di sazietà".

Ecco due ricette per cominciare. Vellutata di ceci e pere per 4 persone: 250 g di zucca; 200 g di ceci cotti; 500 g di brodo vegetale; 5 pomodori secchi; 1/2 costa di sedano; 1 pera; 1/2 cipolla; alloro q.b.; olio extravergine di oliva q.b.; sale e paprika q.b. La preparazione: tagliare la cipolla a dadini e rosolarla insieme al sedano in una padella con un filo di olio extravergine di oliva.

Nel frattempo, mondare la zucca e tagliare anche questa a dadini. Aggiungere al soffritto la zucca, l’alloro spezzettato, i pomodori secchi, un po' di paprika e coprire con il brodo.

Dopo circa 10 minuti aggiungere i ceci e subito dopo le pere, precedentemente tagliate a spicchi. Cuocere fino a quando la zucca sarà diventata abbastanza morbida. Eliminare quindi l’alloro e frullare il contenuto della zuppa fino a ottenere una crema omogenea, correggere di sale e paprika. Distribuire la crema in fondine e decorare con altri spicchi di pera. Una piccola spolverata di paprika e servire con crostini di pane tostati.

Zuppa di cavolo nero per 4 persone: 2 mazzetti di cavolo nero; 500 g di patate rosse; 2 carote; 3 foglie di salvia; 1 cipolla; olio extravergine di oliva q.b.; brodo vegetale q.b.; sale e pepe q.b.. La preparazione: tritare finemente la cipolla e farla soffriggere in una casseruola con un filo d’olio e la salvia. Mondare il cavolo nero, lavare le foglie accuratamente in acqua fredda corrente poi scolare e asciugare.

Tagliare a dadini dello spessore desiderato (massimo di 1 cm) le patate e le carote. Quando la cipolla avrà preso un po' di colore, unire le foglie del cavolo e le altre verdure. Salare e fare leggermente appassire. Cuocere bagnando di tanto in tanto con il brodo per circa 40/50 minuti facendo attenzione che la verdura non si attacchi al fondo della casseruola. Servire la zuppa calda e accompagnata con dei crostini di pane di kamut.

12 gennaio 2016 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us