Ecologia

Desireé, il brand di imbottiti punta alla sostenibilità

divani e poltrone 'Zero Impact' e chrome e heavy metal free

Roma, 23 nov. - (AdnKronos) - Materie prime naturali, ecocompatibili e completamente riciclabili come legno e metallo. Imballaggi che rinunciano a clorofluorocarburi o solventi clorurati, dannosi per l’ambiente e per lo strato di ozono. E anche per la pelle la scelta può essere 'green'. L'arredammento Made in Italy si tinge di verde e offre sempre di più, ai consumatori, la possibilità di stare dalla parte dell'ambiente.

Brand del Gruppo Euromobil dal 1995, Désirée è una collezione di imbottiti, 100% made in Italy, che comprende poltrone, divani e componibili che, grazie alla collaborazione con la conceria Dani, utilizza la pelle "Zero Impact" che è anche chrome e heavy metal free, secondo la normativa Iso 15987, che fissa nello 0,1% la somma massima di contenuto di metalli pesanti. La quota eccedente di Co2, prodotta nelle fasi di concia, viene infine abbattuta grazie ad un progetto di forestazione certificato internazionalmente.

Le pelli Zero Impact sono Foc (Free of Chrome), esenti da metalli pesanti, rilasciano -5% di emissioni di Co2 e hanno un bilancio ambientale tra attivo e passivo pari a zero. "Green" anche all'interno: per l’imbottitura c'è l'ecopiuma, ovvero: fiocchi di microfibra in poliestere. Forme ispirate alla natura così come i materiali: legno, cotone biologico e poliuretano di origine vegetale. Per la salvaguardia del prodotto tutti gli imballi hanno un nylon di protezione e un cartone a forte spessore, con chiusura a colla a caldo. Imballaggi riciclabili al 100% e poliuretani che non contengono Cfc (clorofluorocarburi) o solventi clorurati.

23 novembre 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us