Ecologia

Denuncia di Greenpeace: "L'Italia compra legno da deforestazione illegale in Amazzonia"

Roma, 16 nov. - (AdnKronos) - Continua in Europa l'acquisto di legno proveniente da deforestazione illegale in Amazzonia. Lo denuncia un nuovo report di Greenpeace dal quale emerge che 26 aziende, tra cui una italiana, avrebbero comprato e poi immesso sul mercato europeo legname venduto dalla compagnia Madeireira Iller Ltda, accusata di far parte di una rete di vendita illegale di legname, smantellata di recente dalla polizia federale brasiliana nell’ambito dell’operazione 'Legno Pulito'.

Nonostante fossero già note numerose informazioni sull'inaffidabilità dei documenti che accompagnavano il legno distribuito da Madeireira Iller Ltda - denuncia Greenpeace - a importare in Italia questo legname sono state tre compagnie: l'italiana Tropical Woods S.A.S., la portoghese Global Gold Forest e l’uruguaiana Flyton Company S.A. Mentre ai sensi del diritto comunitario, per prevenire l’immissione sul mercato di legname proveniente da operazioni di taglio illegale, le aziende europee sono tenute a esercitare la cosiddetta 'dovuta diligenza', prevista dal Regolamento Europeo del Legno (EUTR), che, tra le altre cose, proibisce di utilizzare legname venduto da aziende sospette.

"Sappiamo ormai per certo che la documentazione ufficiale che accompagna il legno proveniente dall’Amazzonia è spesso inaffidabile, a causa della forte corruzione presente nel settore del legname brasiliano - commenta Martina Borghi, campagna Foreste di Greenpeace Italia -. L’italiana Tropical Wood SAS e le altre compagnie che hanno acquistato da Madeireira Iller Ltda del legname poi importato in Europa hanno ignorato prove note da tempo sui traffici illegali dei loro fornitori brasiliani e sono quindi complici della distruzione dell’Amazzonia".

L’operazione 'Legno Pulito', un’indagine su larga scala, condotta dal procuratore federale di Santarém nello stato brasiliano di Pará, ha rivelato che la compagnia di taglio, lavorazione e commercio di legname Madeireira Iller Ltd ha utilizzato documenti falsi per riciclare legname illegale. Questi documenti, ottenuti grazie alla complicità di funzionari corrotti supportati da un gruppo di intermediari, hanno permesso al legname illegale di lasciare il Brasile e arrivare in Europa.

Già nel maggio 2014 Greenpeace aveva denunciato la profonda corruzione presente nel settore del legno amazzonico in Brasile e quanto siano comuni le pratiche di riciclaggio di legno illegale attraverso l’ottenimento di documentazione 'ufficiale'. L’organizzazione ambientalista chiede alle autorità europee di far rispettare l’EUTR, facendo controlli su tutte le società che negli ultimi 18 mesi hanno importato in Europa il legname di Madeireira Iller Ltda, e sanzionando quelle compagnie che non sono conformi ai requisiti previsti dallo stesso Regolamento.

"Le compagnie che acquistano legname brasiliano devono rispettare gli obblighi derivanti all’EUTR ed esigere dal governo brasiliano una revisione urgente di tutti i piani di gestione forestale esistenti, in modo da poter assicurare che ci siano trasparenza e correttezza lungo tutta la catena di approvvigionamento del legno proveniente dall’Amazzonia", conclude Borghi.

16 novembre 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us