Ecologia

Dalla musica al casco, le 10 cattive abitudini dei ciclisti

Roma, 22 lug. - (AdnKronos) - Di giorno e di notte, con la pioggia o con il sole, la bicicletta è ormai diventata il mezzo di trasporto più gettonato per gli spostamenti quotidiani ma può diventare pericolosa se non si rispettano le regole. Per educare gli amanti della bici al rispetto della propria (e altrui) sicurezza, Shimano, il brand giapponese di componentistica e tecnologia per biciclette più noto al mondo, ha stilato un decalogo dei peggiori comportamenti dei ciclisti in strada.

1. Pedalare a tempo di musica ascoltando le canzoni preferite con indosso le cuffie o gli auricolari. Purtroppo le cuffie nelle orecchie o l’auricolare del cellulare sono fonti di distrazione e non consentono di sentire i rumori della strada (per esempio la sirena di un’ambulanza).

2. Non c'è un sistema di illuminazione adeguato per rendere visibile il ciclista in strada. Le automobili hanno difficoltà a vedere le biciclette che si muovono nel cuore della notte. Meglio quindi dotarsi dell’equipaggiamento obbligatorio dal Codice della Strada che prevede luci e catarifrangenti anteriori e posteriori, campanello e giubbino catarifrangente.

3. Niente casco. Per la nostra sicurezza personale, anche se non obbligatorio dal Codice della Strada, è importante indossare un casco della taglia giusta e calzato correttamente per salvaguardarsi nel traffico cittadino.

4. Fare zig zag in mezzo alla strada, muovendosi con frequenti cambi di direzione. Pedalare il più possibile sulla destra della carreggiata, in modo tale da lasciare spazio alle auto che ci scorrono accanto.

5. Cambiare strada o corsia senza preavviso. Una volta poi che si è decisa la strada da percorrere, è importante comunicare in anticipo le proprie intenzioni sugli spostamenti utilizzando il braccio ben teso come la “freccia” dell’automobile.

6. Pedalare contromano o non rispettare il semaforo. La segnaletica stradale vale anche per i ciclisti e deve essere rispettata.

7. Scorrazzare tra un pedone e l’altro sul marciapiede. Purtroppo non tutte le vie sono dotate di corsie preferenziali per le biciclette e le piste ciclabili sono spesso inesistenti. Ma pedalare a tutta velocità sul marciapiede rischiando di investire i pedoni non è di certo un ottimo sistema per muoversi in città Ed, inoltre, è vietato.

8. Andare in due in bicicletta, portando anche i bambini piccoli. Portare i figli in bicicletta è una scelta importante e di responsabilità, e proprio per questo motivo è fondamentale essere dotati di apposito seggiolino, perfettamente ancorato e in grado di tutelare la sua sicurezza.

9. Manutenzione: controllare freni e ruote. Per pedalare in totale sicurezza è necessario verificare e controllare sempre lo stato dei freni e delle ruote per evitare spiacevoli e pericolosi incidenti.

10. Parcheggiare fuori dalle rastrelliere, in mezzo al marciapiede o davanti a un portone. È sicuramente sempre opportuno assicurarsi che la bicicletta non sia d’intralcio in un’uscita o in uno spazio dedicato a persone disabili.

22 luglio 2016 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us