Ecologia

Dall'auto alla baby sitter condivisa, tutti pazzi per la sharing economy

Roma, 19 lug. - (AdnKronos) - Si condivide l'auto, la casa, la bicicletta e adesso anche la baby sitter. L'Italia premia la sharing economy e più di una famiglia su tre ritiene vincente la formula del baby sitter sharing, che consente ai genitori di suddividersi le spese per l'assistenza dei bambini e alla baby sitter di poter chiedere un compenso proporzionalmente più alto, premiando così la responsabilità e la professionalità. Lo rileva un'indagine condotta da Sitter-Italia, sito dedicato ad aiutare i genitori a trovare la baby sitter più adatta a loro, che propone anche la formula sharing,.

Presente sul sito anche la possibilità di sharing dei genitori stessi, grazie a 'Genitori in contatto', formula ormai di successo in Europa e che sta prendendo progressivamente piede anche in Italia. Piace, dunque, la formula del baby sitter sharing, come dimostra i questionario svolto da Sitter Italia su un campione di oltre 450 genitori selezionati all'interno dei paesi europei in cui è presente il gruppo.

Lo spaccato europeo vede al primo posto la Norvegia: addirittura il 41% dei genitori trova naturale condividere con altre famiglie la baby sitter, risultando il paese più incline ad aderire alla formula del baby sitter sharing. In Finlandia e Danimarca la percentuale si mantiene allo stesso modo alta (37,50%). Al terzo posto troviamo l'Italia: addirittura il 34% sarebbe disposto a pagare leggermente di più la baby sitter, lasciando spazio alla possibilità di prendere in considerazione formule più vantaggiose quali il baby sitter sharing. A seguire Spagna (30%) e Olanda (29%) con le percentuali più basse.

19 luglio 2016 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us