Ecologia

Dai test atomici al clima, 45 anni di Greenpeace /Foto

Terni, 14 set. - (AdnKronos) - Dal viaggio per fermare i test atomici alle campagne di oggi sul clima, è una lunga storia a tutela del pianeta quella di Greenpeace , iniziata il 15 settembre del 1971 quando un gruppo di volontari partì da Vancouver a bordo del peschereccio Phyllis Cormack (poi ribattezzato Greenpeace) per cercare di fermare i test atomici sull’isola di Amchitka, in Alaska.

L’organizzazione ambientalista nasce con questo viaggio: sebbene la nave non raggiunse mai Amchitka, perché intercettata dalle autorità statunitensi, questa missione sviluppò nell’opinione pubblica una crescente opposizione ai test atomici che portò al loro bando. Primo successo, e non l'unico: è grazie all'organizzazione non governativa ambientalista e pacifista che è si è ottenuta la protezione dell’Antartide a inizio anni '90, un successo che ora Greenpeace sta cercando di bissare con le sue campagne per l’Artico.

Una storia fatta di impegno e passione, a tratti romanzesca. E potrebbe essere un romanzo d'avventura ambientato nei mari teatro della caccia alle balene, o anche una spy story con Greenpeace nel mirino dei servizi segreti, tra sabotaggi e bombe ai danni della Rainbow Warrior, la storica nave ammiraglia della flotta di Greenpeace.

Oggi Greenpeace conta oltre tre milioni di sostenitori, 36mila volontari in tutto il mondo, a cui si aggiungono migliaia di attivisti, cyberattivisti, ricercatori, lobbysti e un numero sempre crescente di alleati. A 45 anni dalla sua nascita "la maggiore sfida globale dei nostri tempi è la battaglia contro i cambiamenti climatici - spiega Giuseppe Onufrio, direttore esecutivo di Greenpeace Italia - L’Accordo di Parigi, che ci aspettiamo verrà firmato tra una settimana, è un bel passo in avanti per raggiungere l’obiettivo ambizioso di non superare un grado e mezzo di aumento della temperatura globale e avviare la transizione verso le rinnovabili al 100 per cento per tutti”.

Tra gli effetti dei cambiamenti climatici vi è l’acidificazione degli oceani, che assorbono troppa Co2 che danneggia la vita marina. Greenpeace chiede più aree marine protette, meno pesca illegale e collabora con altre organizzazioni per evitare che gli oceani diventino una immensa discarica per la plastica. E si batte per proteggere le foreste primarie, insieme a comunità e gruppi locali, per sostenere la biodiversità, ma anche per il ruolo che le foreste hanno nel tenere in equilibrio il clima.

Allo stesso modo, la campagna per l’agricoltura sostenibile punta a sostenere chi coltiva la terra senza contribuire ai cambiamenti climatici. Oggi Greenpeace continua a battersi anche contro le testate atomiche e anche se i test sono rallentati grazie all’opposizione pubblica, diversi stati continuano a possedere, sviluppare e ammodernare le testate atomiche: serve un Trattato delle Nazioni Unite che le metta al bando.

Greenpeace festeggia quest’anno anche 30 anni di attività in Italia: nel nostro Paese l’associazione conta oltre 77mila sostenitori, 500mila cyberattivisti e un migliaio di volontari.

14 settembre 2016 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us