Ecologia

Dai ristoranti allo shopping, tutto il mondo 'slow' in un'App

E' Slow Food Planet che parte con 22 Paesi mappati e 12.500 segnalazioni, per trovare il ristorante giusto, il locale in cui bere una buona birra artigianale o il mercato dove fare acquisti

Roma, 16 apr. - (AdnKronos) - Siete in vacanza o in viaggio di lavoro e volete pranzare in un ristorante tipico di Genova, fermarvi per un aperitivo in un bar à tapas alla moda di Barcellona o fare acquisti nel mercato più colorato di Mumbai? Da oggi c’è uno strumento leggero e facile da usare, basta uno smartphone e una parola d’ordine: Slow Food Planet. Una guida pensata per valorizzare le tipicità e la biodiversità straordinarie dell'Italia e degli altri Paesi mappati.

La nuova App di Slow Food Editore, realizzata con il supporto di Lavazza, non è semplicemente una guida che segnala indirizzi in cui mangiare: proprio come un amico, si può chiedere a Planet dove andare a rilassarsi con una birra, dove fare colazione, dove comprare un buon pane o un formaggio tipico per un pranzo al sacco nel parco di una città tutta da scoprire.

Si parte con numeri importanti: 22 Paesi mappati e 12.500 segnalazioni (4.000 in Italia) con 2.000 soci Slow Food impegnati nella raccolta delle segnalazioni e 150 collaboratori che contribuiscono ad alimentare il database. Ambiziosi gli obiettivi: "Vogliamo che entro la fine del 2018 tutto il mondo sia mappato, dalle grandi città alle aree più remote del Sud del mondo", annuncia Carlo Petrini, presidente di Slow Food. Il nuovo strumento digitale è stato lanciato a Cascina Cuccagna, l’Hub della sostenibilità di Lavazza e Novamont per Expo2015.

E' la rete associativa di Slow Food a fare la differenza: le segnalazioni provengono direttamente da chi vive sul territorio, da chi frequenta i locali e ne conosce i gestori. Facile da usare, la App è in grado di segnalare i locali più vicini al punto in cui ci si trova, indicando solo quelli aperti in quel determinato momento.

Oltre alle informazioni principali sui locali segnalati (tra cui il momento della giornata migliore per visitarli e l’atmosfera) la moderna interfaccia dell’applicazione ne valorizza immagini e posizione geografica, indicando anche le fasce di prezzo. Le segnalazioni sono raccolte in aree omogenee, città o territori significativi per Slow Food da un punto di vista culturale, paesaggistico e gastronomico che variano da regione a regione e da nazione a nazione.

Tra le funzioni, quella che segnala i locali in cui è possibile portare il vino da casa, quelli che propongono le doggy bag per il cibo avanzato, o quelli aperti tutta la notte, il dizionario che racconta i termini più dialettali o tipici di un territorio, per far conoscere la cultura del cibo di tutti i paesi del mondo.

Slow Food Planet vuole anche essere un benvenuto ai milioni di visitatori che arriveranno a Milano per Expo2015. Una App poliglotta, che parla italiano e inglese, fondamentale per aiutare i turisti a viaggiare nel nostro Paese.

Una sezione speciale della App è dedicata ai Coffee Experience, locali in cui gustare un ottimo caffè che abbia tutti i requisiti di qualità e sostenibilità, grazie alle miscele Lavazza ¡Tierra!, Kafa ed Etigua.

"¡Tierra! è un progetto importantissimo dal punto di vista sociale, mentre Kafa rappresenta l’unica piantagione naturale nella foresta pluviale etiope, con una produzione limitata. Il nuovissimo Etigua invece è una miscela di caffè arabica dei Presìdi Slow Food della foresta di Harenna dell’Etiopia e delle terre alte di Huehuetenango del Guatemala", racconta Francesca Lavazza, direttore corporate image.

16 aprile 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us