Ecologia

Dai dipendenti all'ambiente, le aziende si impegnano per la sostenibilità/Video

Roma, 12 mag. - (AdnKronos) - Moltiplicano le iniziative a favore dei dipendenti, rendicontano attraverso il bilancio sociale, si impegnano per il territorio, l’ambiente, l’arte e la cultura. Il 73% delle imprese italiane è socialmente responsabile ed investe quasi un miliardo di euro. L'ulitimo rapporto sulla responsabilità sociale d'impresa "ha determinato un cambio di passo degli investimenti nel sociale delle aziende" afferma Roberto Orsi, direttore dell'Osservatorio Socialis. (Video)

In primo luogo, spiega Orsi, "le aziende investono nella loro dimensione interna, ossia in una maggiore attenzione ai dipendenti". Il secondo dato "è attenzione agli sprechi. Si governa un'azienda in maniera più etica, non guardando solamente al profitto ma guardando anche al territorio in cui l'azienda opera”.

Tra i settori più attivi nella Corporate social responsability, la cosiddetta Csr, troviamo il settore farmaceutico. Il Gruppo Bracco, ad esempio, che da poco ha pubblicato il suo primo Sustainability Report, nel 2014 ha investito 206mila euro solo in programmi di informazione e medicina per tutti i dipendenti. Non manca poi il capitolo ambientale e su come ridurre l’impronta di carbonio nei processi di produzione.

In particolare, spiega all'Adnkronos Diana Bracco, presidente dell'omonimo gruppo, "noi cerchiamo tecnologie pulite, verdi, processi a basse temperature, senza emissioni". Questo vuole dire "mettere in opera una serie di avvertenze, difficili, che vanno progettate per rendere tutti i processi fruibili senza danno per l'ambiente".

Si tratta di avvertenze che "sono tutte collegate strettamente alla conoscenza, all'innovazione, alla conoscenza della chimica e all'ingegneria". L'impegno nella sostenibilità, dunque, si traduce, in "una grande capacità tecnologica di innovare e una grande capacità e attenzione alla manutenzione dei processi".

Ma c’è anche l’impegno verso il territorio. Come Ima , multinazionale di riferimento nella progettazione e produzione di macchine automatiche per il processo e il confezionamento di prodotti farmaceutici, cosmetici, alimentari, tè e caffè, che nel 2014, ha contribuito alla ricostruzione dell’Emilia a seguito del terremoto del 2012. Tra gli interventi che hanno coinvolto Ima c'è stato anche il sostegno economico a favore della parrocchia di S. Maria Maggiore.

Ma perché un’azienda decide di investire in sostenibilità? Secondo Filippo Bettini, chief sustainability and risk governance officer Pirelli, "è il modo più efficace e brillante per far durare l'azienda nel tempo. E' una strada che Pirelli ha percorso fin dall'inizio della sua costituzione, circa 140 anni fa, oggi in modo ancora più efficace puntando su prodotti che rispettino l'ambiente e salvaguardino la sicurezza delle persone. Il 50% del nostro fatturato in questo momento deriva da prodotti green e questa è la testimonianza più efficace del successo che una scelta di questo tipo può portare all'azienda".

Un cambio di rotta che piace anche ai consumatori. "Il 52% degli italiani è disposto a pagare un premium pur di scegliere prodotti che abbiano un impatto positivo sulla società e sull’ambiente" spiega Cristina Scocchia ad L'Oreal Italia che annuncia: “Abbiamo appena lanciato un programma di sostenibilità a tutto tondo che ci impegna a favore dell’ambiente e a favore delle collettività nelle quali operiamo".

"Da qui alla fine del decennio - aggiunge la Scocchia - vogliamo che il 100% dei nostri prodotti abbia un beneficio sociale o ambientale; vogliamo ridurre del 60% l’impronta ambientale delle nostre produzioni; vogliamo aiutare i consumatori a fare delle scelte che siano rispettose dell’ambiente". Di recente L’Oréal Italia ha anche annunciato il rafforzamento della partnership con L’Arte nel Cuore, associazione che promuove l’omonima Accademia dello spettacolo per giovani diversamente abili e non.

Il 2016, inoltre, è un anno importante per la Csr. Entro l’anno, infatti, si dovrà recepire la direttiva europea, la numero 95 del 2014, che, dal primo gennaio 2017, obbliga le aziende con più di 500 dipendenti a rendicontare le proprie iniziative sociali e ambientali.

12 maggio 2016 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us