Ecologia

Dai detergenti alle vernici: in arrivo nuovi simboli di pericolo

Martinelli (ordine chimici Lazio, Umbria, Abruzzo e Molise): "Si abbassa l'asticella"

Roma, 29 mag. (AdnKronos) - Dai detergenti alle vernici, dagli insetticidi ai dispositivi medici: dal primo giugno i consumatori troveranno sui prodotti di largo consumo, che contengono miscele pericolose, la nuova simbologia prevista dal regolamento Clp (Classification, labelling and packaging) che definisce la classificazione, l'imballaggio e l'etichettatura delle sostanze chimiche e delle miscele in funzione delle loro proprietà chimico-fisiche, tossicologiche ed ecotossicologiche.

Una delle conseguenze della classificazione, uniforme nei Paesi europei, è il cambiamento dell'etichetta di pericolo dei prodotti chimici. "Scompariranno i simboli a sfondo arancione quadrati e verranno sostituiti da simboli romboidali con sfondo bianco e bordo rosso, saranno inserite nuove immagini che indicheranno rischi specifici, come il cancerogeno (sagoma nera su fondo bianco, ndr)", spiega all'Adnkronos Fabrizio Martinelli, presidente dell'Ordine professionale dei chimici di Lazio, Umbria, Abruzzo e Molise.

"Il cambiamento però non sarà solo grafico ma sostanziale, cambiano i criteri di classificazione per cui, per esempio, un prodotto precedentemente classificato come 'nocivo per ingestione' potrebbe rientrare in una categoria di rischio maggiore come il 'tossico per ingestione' e in etichetta non troveremo più la croce di sant'Andrea nera su sfondo arancione ma il simbolo di teschio e tibie su sfondo bianco", continua. Insomma: "Si abbassa l'asticella sulla pericolosità'' non perché le sostanze siano diverse ma in virtù delle nuove informazioni che la ricerca mette a disposizione. "Cambiano anche i concetti di classificazione: ad esempio non solo più 'tossico' ma 'tossicità acuta d'organo per esposizione singola'. Una pericolosità diversa, più dettagliata e complessa da valutare", sottolinea Martinelli.

Un esempio: la candeggina, soluzione di ipoclorito di sodio. "Tutti abbiamo presente la bottiglia con il simbolo della croce di sant'Andrea nera su sfondo arancione con l'indicazione di irritante per la cute, i consumatori più attenti avranno notato che ultimamente sulle etichette di alcuni prodotti è presente una simbologia diversa, c'è il simbolo del 'corrosivo'. Questa differenza nasce proprio dai nuovi criteri di classificazione che ritengono opportuno identificare quella miscela in una classe di pericolo diversa", spiega l'esperto. Questo purché la concentrazione di ipoclorito di sodio resti la stessa; se il produttore sceglie di modificare la formulazione impiegando una percentuale inferiore, al 3-5%, allora il prodotto manterrà l'indicazione di 'irritante'.

Tutto questo cosa comporta? "Il consumatore si troverà di fronte etichette con nuove simbologie che dovrà imparare a conoscere e riconoscere per ovviare a usi impropri e gestire opportunamente eventuali rischi", sottolinea Martinelli. Mentre "le aziende produttrici di miscele dovranno condurre una classificazione di pericolosità secondo i nuovi criteri, qualora non lo abbiano già fatto, e adoperarsi per predisporre nuove etichette e nuove schede dati di sicurezza per informare gli utilizzatori professionali dei rischi associati all'utilizzo".

Dovranno adeguarsi, spiega, "tutti i produttori di miscele chimiche con componenti pericolosi, non solo l'industria petrolchimica ma anche la piccola industria di vernici e coloranti o il fabbricante di prodotti per l'igiene della casa".

Il primo giugno 2015 è il termine entro il quale adeguarsi al regolamento Clp, entrato in vigore nel gennaio 2009, dopo un regime transitorio. Quanti sono già in regola? "Pochissimi, soprattutto tra le piccole e micro imprese. Per lo più si sono adeguate le grandi aziende della chimica", stima Martinelli tramite il suo 'osservatorio' specializzato. "E' importante - sottolinea - che non solo le grandi multinazionali ma anche i piccoli produttori siano coscienti degli obblighi che possiedono rispetto a tali normative e si adoperino perché realmente il sistema possa funzionare pienamente". Perché "a regime questi nuovi criteri dovrebbero portare a una maggiore tutela della salute e dell'ambiente".

29 maggio 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us