Ecologia

Dai bar agli uffici, ecco come tagliare la bolletta

più efficienza per le Pmi, uno strumento online per monitorare consumi

Roma, 27 set. - (AdnKronos) - Alberghi, bar e ristoranti, negozi e uffici. Anche la piccola e media impresa italiana è chiamata ad affrontare la sfida dell’efficienza energetica, perché “piccolo è bello”, ma può sempre migliorare. Una grande opportunità per le Pmi che possono arrivare a risparmiare sui consumi energetici e che su questo fronte hanno grandi potenzialità, spesso sottovalutate. “Nella gestione di un’attività che una piccola impresa deve portare avanti per sopravvivere e avere successo, il tema dell’efficienza energetica passa in secondo piano perché ci sono altre priorità”, spiega all’Adnkronos Daniele Forni, responsabile tecnico Fire, la Federazione italiana per l’Uso razionale dell’energia.

Eppure, sono tanti gli accorgimenti e gli interventi che possono dare una mano alle micro imprese che vogliono intraprendere la strada del risparmio energetico, dalle scelte da fare a inizio attività o in occasione di rinnovamenti e ristrutturazioni su impianti, macchinari ed elettrodomestici, agli interventi di miglioramento che si possono mettere in cantiere anche ad attività avviata. Qualche esempio? Partiamo dal classico ‘baretto sotto casa’, una delle attività più energivore rispetto alle dimensioni, un vero concentrato di consumi in pochi mq tra frigoriferi, macchine da caffè, lavastoviglie rapide, condizionatori.

“Qui, possono essere fatti una serie di interventi – spiega Forni - alcuni all’inizio dell’attività, altri anche dopo facendo attenzione a quello che si sceglie. Come nel caso dei frigoriferi, anche tra quelli concessi dai fornitori ci sono ormai modelli con tripli vetri e a consumi energetici ridotti”.

Basta scegliere bene, quindi. Un po’ più complicato per le macchine da caffè. “Quelle professionali, che anche in stand by possono avere consumi importanti, non hanno la marcatura energetica. In questo caso bisogna chiedere maggiori informazioni anche sulle prestazioni della macchina per fare la scelta giusta”.

E se il bar è solo un esempio, gli interventi da mettere in campo sono tanti e riguardano alberghi, negozi di generi alimentari e non, uffici, gelaterie, fast food. Per dare una mano all’imprenditore, uno strumento utile (e gratuito) è il tool web Energy Scan promosso dal progetto Sme Energy CheckUp che permette alle Pmi di valutare il potenziale di risparmio energetico ed economico nella propria impresa per poi ricevere una serie di informazioni e suggerimenti al fine di adottare specifiche misure di risparmio energetico.

Un vero e proprio “Pmi energy check up” grazie al quale è anche possibile informarsi su incentivi e detrazioni per interventi di efficienza energetica, confrontarsi con buone pratiche e scoprire gli interventi più diffusi.

Inserendo settore, superficie e consumi energetici nella pagina iniziale, il tool calcola un primo indice di consumo, lo confronta con quello medio nazionale e suggerisce gli interventi di efficientamento tipici per quel settore con valori indicativi di investimento e tempi di ritorno.

Per procedere bisogna registrarsi, così da poter poi recuperare e modificare i dati in un secondo tempo. Saranno richiesti dettagli su caratteristiche e uso di edificio e impianti, si otterranno informazioni più approfondite e si potrà essere messi direttamente in contatto con fornitori di tecnologie efficienti o consulenti per valutazioni più accurate, studi di fattibilità, ecc. La lista dei fornitori è curata dalle Camere di Commercio aderenti, mentre quella degli esperti in gestione dell’energia da Fire. Possono aderire gratuitamente fornitori e consulenti che abbiano i requisiti richiesti e sottoscrivano il codice di condotta.

In base ai dati inseriti, il tool è in grado anche di stimare dove e come viene usata più energia permettendo all’imprenditore di individuare i settori più energivori e quali interventi possono aiutarlo a ridurli. Ma quanto può risparmiare una Pmi puntando sull’efficienza? “Tra il 5 e il 15%, con interventi limitati o anche molto di più a seconda delle azioni che si decide di mettere in campo".

27 settembre 2016 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us