Ecologia

Crisi climatica: gli USA sottostimano i danni economici e sociali

Un gruppo di esperti sostiene che i danni economici e sociali del clima saranno quasi quattro volte superiori alle stime attuali del governo statunitense: ecco perché.

Secondo un'analisi approfondita pubblicata su Nature, gli USA starebbero ampiamente sottostimando l'impatto economico dei cambiamenti climatici: le conseguenze economiche e sociali legate all'aumento di CO2 nell'atmosfera sarebbero quasi quattro volte più gravi rispetto a quanto stimato dal governo statunitense. Se le stime dello studio indipendente venissero confermate dal ricalcolo ufficiale attualmente in corso, Biden sarebbe legittimato a virare verso decisioni più restrittive in materia di politica climatica e metterebbe definitivamente a tacere chi lo accusava di aver sovrastimato i danni economici derivati dalla crisi climatica.

Costo sociale del carbonio. La misura per calcolare l'impatto economico e sociale dei cambiamenti climatici si chiama costo sociale del carbonio (social cost of carbon, SCC), ed è utilizzata dai governi per valutare il rapporto tra costi e benefici delle politiche climatiche. L'SCC stima, in dollari, i danni economici che derivano dall'emissione di ogni tonnellata di carbonio nell'atmosfera. Non è una misura esatta, ma permette ai politici di capire in che direzione andare e viene spesso citata nelle battaglie legali e politiche per regolare le emissioni di gas serra e passare all'energia pulita.

Stime al rialzo. Durante il governo di Obama la SCC era stimata a 51 $ per tonnellata di CO2. Trump l'aveva fatta artificiosamente scendere tra 1 e 7 $, scegliendo di calcolare solo l'impatto nazionale delle emissioni, e non quello globale. Ora Biden è tornato alla stima del governo Obama, ma al momento un team di economisti è al lavoro per effettuare un ricalcolo. Secondo quanto pubblicato su Nature, l'SCC sarebbe ora di 185 $.

Vi sono diversi motivi per cui la nuova stima è parecchio più alta delle precedenti: il primo l'abbiamo già accennato, e cioè che i calcoli di Trump erano limitati all'impatto nazionale dei cambiamenti climatici – il che non ha molto senso, dal momento che gli USA si muovono e inquinano nel mercato globale, senza contare l'obbligo morale di preoccuparsi dei danni che possiamo potenzialmente causare all'intero Pianeta. Il secondo motivo è che i calcoli di Nature includono nuovi modelli aggiornati, che stimano i danni in base alle ultime scoperte scientifiche riguardanti l'impatto del clima sulla salute, il raccolto e altri aspetti della vita e dell'economia.

Tasso di attualizzazione. Il motivo che pesa di più, però, è il fatto che la nuova stima utilizza un tasso di attualizzazione più basso delle precedenti: l'idea alla base di questo concetto economico è che i danni o i benefici futuri valgono meno di quelli presenti.

Sembra un concetto controintuitivo, ma forse è più semplice da comprendere se si paragona alla svalutazione del denaro: 100 euro di oggi non valgono quanto 100 euro di domani.

Quando si parla di clima, si deve ragionare in modo simile: la società in futuro si presume sarà più ricca, e dunque 185 $ di danni per tonnellata di CO2 emessa varranno meno rispetto ad oggi. Ma quanto meno? Su questo dibattono gli economisti: Trump aveva elevatao il tasso di attualizzazione a 7% (decisamente troppo), attualmente è al 3%. Gli esperti che hanno condotto lo studio pubblicato su Nature l'hanno invece fissato al 2%, e da questo deriva anche l'incremento dell'SCC.

17 settembre 2022 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

L’incredibile vita di Guglielmo Marconi, lo scienziato-imprenditore al quale dobbiamo Gps, Wi-Fi, Internet, telefonia mobile… Per i 150 anni della sua nascita, lo ricordiamo seguendolo nelle sue invenzioni ma anche attraverso i ricordi dei suoi eredi. E ancora: come ci si separava quando non c’era il divorzio; il massacro dei Tutsi da parte degli Hutu nel 1994; Marco De Paolis, il magistrato che per 15 anni ha indagato sui crimini dei nazisti; tutte le volte che le monarchie si sono salvate grazie alla reggenza.

ABBONATI A 29,90€

Nutritivo, dinamico, protettivo: il latte materno è un alimento speciale. E non solo quello umano. Molti mammiferi producono latte, con caratteristiche nutrizionali e di digeribilità diverse. Ma qual è il percorso evolutivo che ha portato alla caratteristica più "mammifera" di tutte? Inoltre, ICub è stato testato per interagire con bambini autistici; quali sono i rimedi tecnologi allo studio per disinnescare il pericolo di alluvioni; all’Irbim di Messina si studia come ripulire il mare dagli idrocarburi; la ricerca delle velocità più estreme per raggiungere lo spazio e per colpire in guerra; il cinguettio degli uccelli e ai suoi molteplici significati.

ABBONATI A 31,90€
Follow us