Ecologia

Covid: è ora di pensare a quanto inquinano i tamponi molecolari

Produrre, trasportare, utilizzare e smaltire i tamponi molecolari inquina: solo in Cina, da inizio pandemia, sono state emesse più di 5 milioni di tonnellate di gas serra.

Un gruppo di ricercatori ha analizzato l'impatto ambientale del ciclo di vita di un tampone molecolare, rilevando che la produzione, il trasporto, l'esecuzione e lo smaltimento di un test covid eseguito in Cina emette più di 600 grammi di gas inquinanti – una quantità pari a circa la metà di quella emessa giornalmente da un cittadino cinese che usa l'elettricità. I risultati dell'analisi sono stati pubblicati su Environmental Science & Technology.

Tamponi a volontà. Da quando, nel marzo 2022, Shangai è stata il centro di un nuovo focolaio di covid, le autorità cinesi hanno imposto in diverse città duri lockdown e hanno effettuato test a tappeto: ai residenti di Shenzhen è richiesto ancora oggi di sottoporsi a tampone molecolare ogni 24, 48 o 72 ore.

Con una popolazione di oltre 1,4 miliardi di persone, i conti sono presto fatti: secondo OurWorldInData, dall'inizio della pandemia ad aprile 2022, la Cina ha effettuato oltre nove miliardi di tamponi ai propri cittadini, emettendo quindi almeno 5,4 milioni di tonnellate di gas serra. Per avere un confronto basti pensare che il secondo Paese al mondo per numero di tamponi eseguiti sono gli Stati Uniti, che nello stesso periodo di tempo hanno raggiunto "appena" quota 860 milioni.

emissioni Cina
La Cina, che alla COP26 si è impegnata a raggiungere la neutralità nelle emissioni entro il 2060, nel 2021 ha emesso quasi 12 miliardi di tonnellate di gas serra – un terzo di quelle emesse globalmente. © Anton Watman | Shutterstock

I passaggi più inquinanti. Secondo i calcoli degli studiosi, ogni tampone molecolare emette 612,9 grammi di gas serra, per la maggior parte CO2 e un po' di metano. Il passaggio più inquinante sarebbe lo smaltimento, responsabile del 71,3% delle emissioni totali; seguono la produzione (14,5%) e il trasporto (13,3%).

Il processo di smaltimento emette grandi quantità di gas serra poiché tutti i rifiuti vengono sterilizzati ad alte temperature ed eliminati in inceneritori che funzionano con temperature tra gli 850 e i 1200 °C.

Anche il trasporto richiede l'impiego di grandi quantità di energia, poiché i test devono essere conservati a -20 °C per mantenere attivi gli ingredienti, e la distanza media che deve percorrere un tampone molecolare in Cina per arrivare dal produttore al consumatore è di quasi 6000 km.

Impatto ambientale. Secondo gli studiosi l'impatto ambientale dei tamponi molecolari potrebbe essere addirittura maggiore di quanto stimato dallo studio, poiché non è stato calcolato il trasporto dei test usati dai centri medici agli impianti di smaltimento, non essendoci dati disponibili in merito.

Possibili soluzioni. Gli esperti sottolineano l'importanza di iniziare a pensare all'impatto dei tamponi sull'ambiente, e a studiare possibili soluzioni per mitigare i danni ecologici. A tale proposito, propongono tre possibili strategie: produrre i tamponi con materiali riciclabili o biodegradabili; rivedere i metodi di smaltimento dei rifiuti sanitari; utilizzare veicoli elettrici per il trasporto dei tamponi.

18 settembre 2022 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us