Ecologia

Il passo finale della Cop21

Un'anticipazione dell'accordo, in attesa del documento ufficiale e dei dettagli.

12 dicembre - In giornata verrà diffuso il documento ufficiale definitivo per ciò che è stato deciso a COP21, con i dettagli: ne parleremo nei prossimi giorni. Questa è una anticipazione sulla base delle dichiarazioni del Segretario generale delle Nazioni Unite, ancora senza indicazioni in particolare sui fondi internazionali destinati alle nuove tecnologie e alle nazioni in via di sviluppo.

Un documento di “sole” 20 pagine stabilirà il percorso che le nazioni della Terra dovrebbero prendere per rallentare e alla fine fermare l'innalzamento della temperatura. Presentato oggi, 12 dicembre, verso mezzogiorno, in linguaggio cauto e politichese presenta alcuni punti fermi. Per esempio il fatto che le promesse dei Paesi partecipanti (le INDC) non definiscono un percorso sufficiente a contenere l'aumento di temperatura "molto sotto i 2 °C" e che ben altri sforzi devono essere fatti per non superare 1,5 °C.

Il riferimento a "1,5 °C" è importante, perché fino a qualche giorno fa era ritenuto un obiettivo troppo difficile da raggiungere.

Gli aspetti positivi sono che l'accordo sarà legally binding, cioè obbligherà le nazioni a raggiungere un obiettivo stabilito (da loro stesse), e terrà in conto anche i danni che potrebbero subire, e già ora subiscono, alcune nazioni particolarmente vulnerabili, come quelle insulari; per esempio quelle dell'Oceano Pacifico. Per far sì che le promesse si traducano in provvedimenti efficaci per contenere l'aumento di temperatura sono previsti, ogni cinque anni, incontri che aggiorneranno la situazione e potranno prevedere solo accordi migliorativi.

12 dicembre 2015 Marco Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us