Ecologia

Cop21, Galletti: "Vero obiettivo sia soglia di 1,5 gradi"

Roma, 2 dic. - (AdnKronos) - "Sia la soglia di 1,5 gradi del surriscaldamento globale il vero obiettivo della Cop21". A chiederlo è il ministro dell'Ambiente Gian Luca Galletti intervenuto oggi in Senato dove è stata approvata la mozione di maggioranza sulle politiche di contrasto ai cambiamenti climatici in vista della partecipazione del governo alla Conferenza internazionale di Parigi.

"Chiediamo che nell'accordo finale della Cop21 ci sia un accenno a 1,5 gradi come obiettivo finale da raggiungere nel corso dei prossimi anni", ha insistito Galletti ricordando che il tetto dei 2 gradi "è stato il frutto di una mediazione tra tutti i Paesi a Copenhagen ma non è ancora sufficiente, ci sono Paesi che con 2 gradi comunque non si salvano". E tutto dipenderà, secondo il ministro, dalla governance che farà seguito al vertice e "che monitori costantemente, ogni tre o ogni 5 anni, le azioni dei Paesi al loro interno". Perché "Parigi inizia a Parigi ma dovrà continuare per sempre".

Tema ancora aperto resta la differenziazione di responsabilità tra Paesi sviluppati e Paesi in via di sviluppo. "L'Italia dice sì ma - sottolinea Galletti - chiediamo una differenziazione in evoluzione che tenga conto via via della situazione vera dei Paesi che ora sono in via di industrializzazione ma che tra qualche anno saranno industrializzati come noi". Su questo "Cop21 dovrà essere chiara" ha aggiunto il ministro ricordando che i Paesi sviluppati sono Paesi donatori che si impegnano nei confronti dei Paesi in via di sviluppo.

Secondo Galleti comunque "Parigi è la linea di demarcazione tra una vecchia e una nuova economia. La nuova economia avrà come faro il rispetto dell'ambiente".

"A Kyoto - ha ricordato - sottoscrissero il protocollo Paesi che in totale rappresentavano il 12% delle emissioni di Co2. Oggi a Parigi sono 163 Paesi, il 96% degli emettitori di Co2. Un dato che ci dice che la coscienza ambientale è cresciuta a dismisura e ora c'è da parte di tutti la responsabilità di fare qualcosa. Non solo. Se a Kyoto i Paesi erano criticati perché vincolavano le proprie economie rendendole molto meno competitive con le altre sacrificandole sull'altare della salvaguardia dell'ambiente, oggi è il contrario, Parigi non sarà un vincolo economico ma un'opportunità economica".

2 dicembre 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us