Ecologia

Contro eolico e trivelle nel Canale di Sicilia i 'banchi' si candidano a Patrimonio dell'Umanità

Il soprintendente del Mare Tusa: "Stabiliamo una zona da tutelare in via definitiva per evitare attività che rischiano di alterare l'ecosistema. Fiducioso perché anche dal punto di vista politico la sensibilità è trasversale".

Palermo, 10 dic. - (AdnKronos) - Se di trivelle nel Canale di Sicilia si è ampiamente parlato, meno noti sono i progetti eolici 'offshore', uprintendente del Mare Tuna nuova minaccia che si va ad aggiungere a quella del petrolio. Un attacco su due fronti, dunque, ad aree di grande pregio marino, al quale questa volta ad opporsi non è un'associazione ambientalista ma la soprintendenza del Mare della Regione Siciliana.

La soluzione, per così dire, taglia la testa al toro: fare in modo che i 'banchi' del Canale di Sicilia, ecosistemi di eccezionale valore ecologico e ambientale, vengano riconosciuti dall'Unesco come Patrimonio dell'Umanità. "Di fronte ai progetti petroliferi e a quelli di installazioni di centrali eoliche - spiega all'Adnkronos il soprintendente del Mare Sebastiano Tusa - piuttosto che valutare progetto per progetto, abbiamo deciso di ragionare sui banchi e stabilire una zona da tutelare in via definitiva in modo da evitare che lì ci possano essere problemi con attività che rischiano di alterare l'ecosistema, dando così una soluzione definitiva alla questione".

Così, oltre alla questione trivellazioni, si risponde anche alle "proposte progettuali ben precise per la collocazione di stazioni eoliche, costituite da più pali, nella zona dei bassi fondali, che va da Gela a Marsala e scende poi verso sud, verso Pantelleria", spiega Tusa.

In questo percorso verso il riconoscimento dell'Unesco, la prima tappa è stata affrontata: "abbiamo fatto un primo confronto radunando in soprintendenza le professionalità principali, dai biologi ai geologi, dagli archeologi agli storici, in modo da elaborare una proposta da far valutare all'Unesco". Proposta che ha visto la luce proprio oggi. Siamo dunque nella fase istruttoria che, secondo il sovrintendente, durerà un paio di mesi per poi passare, prima di andare all'Unesco, al vaglio delle strutture della Regione.

E sulla collaborazione della Regione, Tusa si dice "fiducioso" perché "il fronte è trasversale anche dal punto di vista politico: su questo tema c'è sensibilità a destra, a sinistra e al centro. Noi non vogliamo dire no, in termini assoluti, a eolico e petrolio: diciamo no in queste zone".

Il soprintendente del Mare traduce così l'umore dei siciliani, "critici verso questo tipo di interventi. Lo dimostra la storia stessa della Sicilia: dal dopoguerra in poi il sogno del petrolio è stato un bluff. Lo stesso Mattei, prima di morire, disse che il petrolio in Italia c'è, ma che i costi per estrarlo sono eccessivi. Noi speriamo sperano invece di basare lo sviluppo di questa regione sull risorse vere: turismo, agricoltura e mare, con le sue risorse ittiche".

10 dicembre 2014 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us