Ecologia

Con il riciclo del 50% dei rifiuti l'Europa 'guadagna' 643 milioni di euro

Althesys ha calcolato quanto vale il riciclo sia in termini di riduzione di gas serra sia dal punto di vista del ritorno economico

Roma, 11 dic. (AdnKronos) - Riciclando il 50% dei rifiuti urbani l'Europa potrebbe riuscire a tagliare 103 milioni di tonnellate di CO2. Una quantità di gas serra enorme. E con un ritorno economico immediato di 643 milioni di euro. Il calcolo, effettuato sugli obiettivi comunitari fissati per il 2020, arriva da WAS, il think tank sui rifiuti e sul riciclo di Althesys che ha presentato in queste settimane il report di settore.

Mentre è in corso a Lima il summit mondiale sui cambiamenti climatici, in cui si studiano e propongono possibili soluzioni per fermare la febbre del pianeta, Althesys ricorda che sono tante "le misure che ogni Paese potrebbe prendere autonomamente per migliorare la situazione". "L'Italia - rimarca Althesys - potrebbe tagliare del 2,5% i suoi gas serra già col solo riciclo dei rifiuti. La sola gestione dei rifiuti, recupero e riciclo, rispetto al ricorso alla discarica, permette appunto un taglio alle emissioni italiane di anidride carbonica di quasi 10 milioni di tonnellate/anno, il 2,5% circa del totale italiano (435 milioni di tonnellate di CO2 equivalenti)".

"In Italia nel 2013 il riciclo dei rifiuti urbani (comprendente carta e cartone, vetro, plastica, acciaio, alluminio, legno e RAEE) ha permesso di evitare 9.144.541 ton equivalenti di CO2", spiega Alessandro Marangoni, ad di Althesys. "In termini economici, calcolando il costo delle emissioni di gas serra ai prezzi attuali del mercato europeo delle emissioni (Ets), si tratterebbe di un risparmio di 56 milioni di euro. Ma se la stima viene fatta utilizzando il valori della carbon tax britannica il risparmio è ben più alto, 183 milioni di euro".

11 dicembre 2014 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us